Talebano dell’olio o Papa dell’olio?

In occasione della giornata-evento dello scorso 2 dicembre, il professor Michele Pisante, tra i tre curatori del volume L’ulivo e l’olio per la celeberrima collana “Coltura & Cultura” – edizioni Script – ha voluto pubblicamente elogiarmi sia per quanto ho fatto per il settore, in termini di apporti culturali, sia per la mia determinazione nell’aver voluto ad ogni costo celebrare i cinquant’anni dell’olio extra vergine di oliva. Per lusingarmi, Pisante mi ha accidentalmente definito “talebano” dell’olio! Al che io ho subito protestato dicendo: “Talebano no! Non sia mai!” Continua a leggere

Pubblicato in Ex voto laici | 4 commenti

E per dessert i limoncini. Con l’olio extra vergine di oliva

Chi l’avrebbe detto che l’olio ricavato dalle olive convoli volentieri a nozze con gli ingredienti più strani? Perfino con il mistrà, liquore tipico marchigiano. A casa Gabrielloni, a Recanati, il paese del grande Giacomo Leopardi, oltre al frantoio a macine e presse, da cui si ricava un extra vergine d’eccellenza come il Laudato, c’è ora pure un agriturismo, Al crepuscolo, dove è necessario far tappa. Anche per assaggiare i limoncini, e capirne la bontà Continua a leggere

Pubblicato in Dolcezze all'olio, L'olio entra in ricetta | 1 commento

Le parole che vanno dette, perché alle volte non si può tacere

Sono rimasto colpito dall’assordante silenzio del ministro Giancarlo Galan, riguardo all’anniversario dei 50 anni dell’olio extra vergine di oliva (leggete il mio editoriale su Teatro Naturale di quest’oggi); e ancor di più mi ha deluso, sul piano professionale e umano, la squadra operativa di cui si circonda, per l’insensibilità e la maleducazione dimostrata Continua a leggere

Pubblicato in Emozioni | 23 commenti

Le parole dell’olio. Le giuste parole, quelle ufficiali

Le parole dell’olio devono rispondere a un lessico appositamente elaborato e istituzionalizzato, tuttavia, come tutte le parole, non possono restare immutabili, ma di volta in volta devono essere riconsiderate e riformulate. Ecco, intanto, un breve glossario, essenziale, con le espressioni utili a definire il profilo sensoriale di un olio extra vergine di oliva Continua a leggere

Pubblicato in Nomen omen | 4 commenti

Memorizzate questa parola: olivagione

Tra l’autunno e l’inverno è tempo di olivagione. Di che si tratta? E’ un neologismo che ho voluto coniare per indicare ciò che abitualmente viene fatto passare con la banalissima espressione di “raccolta delle olive”. Perché – mi sono chiesto – continuare a utilizzare queste tre generiche parole quando sarebbe più opportuno concentrare l’intera operazione in una sola e unica parola: o-l-i-v-a-g-i-o-n-e? Continua a leggere

Pubblicato in Nomen omen | 7 commenti

Su piatti a base di pesce e crostacei, l’extra vergine è re incontrastato

Grande emozione ieri sera al ristorante Lili Bontempo di Muggia. Ci ritorno a distanza di qualche anno con sentimenti di gioia e curiosità. La signora Lili colpisce per la sua cordiale e garbata accoglienza, l’ambiente è quello giusto, capace di risvegliare ricordi. E’ un locale storico a due passi dal porticciolo, una struutura antica un tempo magazzino di raccolta del sale, poi negli anni luogo di ristoro per marinai e pescatori. Per onorare il senso innato di ospitalità, ecco una ricetta di Lili con l’extra vergine protagonista Continua a leggere

Pubblicato in L'olio entra in ricetta, Ristoranti oliocentrici | 4 commenti