Archivi categoria: Ipse dixit

L’olio è perfetto quando non c’è difetto

Proprio così: “L’olio è perfetto quando non c’è difetto. L’amaro e il piccante? Sono valori aggiunti”. A sostenerlo è stata Paola Fioravanti, la presidente e fondatrice dell’Umao, l’Unione mediterranea assaggiatori oli. In missione entrambi ad Alghero, il 3 e 4 … Continua a leggere

Pubblicato in Ipse dixit, Scuola di assaggio | 3 commenti

L’olio della misericordia

Quest’oggi è una giornata speciale, consegnata alla storia. La rinuncia alla carica pontificia da parte di Benedetto XVI ci coglie impreparati. La paura quasi ci sovrasta, la commozione è tanta. Non è un segnale di luce, a prima vista. La … Continua a leggere

Pubblicato in Ave sanctum oleum, Ipse dixit | Lascia un commento

Truppe scelte dell’olio

I fenoli, questi illustri sconosciuti. In un recente convegno cui ho partecipato nel Grossetano – a Scansano, per l’esattezza, in occasione del Premio “L’Olivo della Strega” – il professor Angelo Cichelli, dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, ha utilizzato un’azzeccatissima espressione, … Continua a leggere

Pubblicato in Ipse dixit | Lascia un commento

Leonardo Marras: “Andare oltre l’idea di una Toscana felix”

Guardando oggi le varie categorie tematiche presenti sul mio blog, mi sono reso conto che ho voluto inserirne una dal titolo emblematico – “Ipse dixit” – espressamente riservata a qualche frase o pensiero che ho orecchiato andando in giro per … Continua a leggere

Pubblicato in Ipse dixit | 2 commenti

Ulivi del Garda, tanto umani

Quest’oggi mi concedo una sano momento di intensità lirica, grazie alla limpida prosa di Gabriele d’Annunzio. Ho individuato per voi il brano che ho messo in apertura di capitolo all’interno del mio libro Olio di lago. Garda Dop, volume illustrato … Continua a leggere

Pubblicato in Ipse dixit, Libro anch'io | Lascia un commento

Le buone regole per condire un’insalata. E un interrogativo

Pe’ condì bene l’insalata ce vonno quattro persone: un sapiente pe’ mettece er sale, un avaro l’aceto, uno spregone l’ojo e un matto che la mischi e che la smucini

Pubblicato in Ipse dixit | 3 commenti