Dare o non dare la notizia

Su Olio Officina Magazine ho pubblicato una notizia, tratta da un comunicato stampa.

Questa:

Xylella fastidiosa e gelate, i Gilet arancioni danno i numeri

Non voglio essere polemico, anche se in fondo lo sono. In questa nota stampa che ho riportato tal quale si danno effettivamente i numeri. Per davvero, senza alcuna scientificità. “Da dove sono stati ricavati?”- mi scrive in privato un lettore che conosce bene la realtà. E aggiunge: “Mi riferisco in particolare al numero di piante morte e alla superficie interessata”. Non riporto il nome perché ho ricevuto il commento via WhattsApp.

“Gilet, ministro, numeri e promesse. Teniamoli a mente”, scrive invece lo storico dell’agricoltura Alfonso Pascale su facebook, postando la notizia.

Già, si danno proprio i numeri. Per questo il comparto oleario affonda, perché si ferma al sensazionalismo. Ero incerto se passare o meno la notizia su Olio Officina Magazine. L’ho fatto – ma con un titolo ironico; anche se non so se oggi l’ironia può essere davvero compresa. Ho dato la notizia ma non ne sono contento, perché significa dare spazio a inesattezze e, soprattutto, a invocazioni di aiuto.

La verità è che nessuno investe di tasca propria, per il beneficio di tutti. Non si crede nel bene comune, e tutti si attendono solo aiuti dall’esterno, dalla politica, mai invece un atto di responsabilità e di presa di coscienza.

Mi torna in mente – sempre – il terremoto del Friuli, dove senza tanto clamore si sono alzati in piedi da soli e subito, in silenzio, senza tante chiacchiere.

La migliore soluzione per uscire dalla crisi è impegnarsi in prima persona, ma non indossando gilet arancioni, a imitazione di quelli gialli di Francia.

L’olivicoltura, e con essa il settore oleario, in Italia arretrano per inedia e assenza di progettualità. Ditemi pure che non è così e vi faccio un monumento per i posteri.

Questa voce è stata pubblicata in OlioOfficina. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *