La poesia, come l’olio, ha trasparenza e levità

Oggi è tempo di amarcord. Ho avuto modo di riprendere dal mio vasto archivio alcune riviste alle quali ho collaborato in passato. Quanta scrittura è scorsa nel nome dell’olio di oliva! Se penso a quanti si buttano oggi sull’olio per banalizzare tanto serio e coscienzioso lavoro, direi anche pionieristico, intorno all’olio da olive, ancora mi emoziono e mi indispettisco. In questi ultimi anni stanno sporcando tutto quel lavoro, spostando l’attenzione sugli scandali. Ebbene, oggi traggo spunto da un’intervista che feci per “Uliveto Italia”, sul numero del marzo 2000, al narratore Carlo Castellaneta: “l’olio di oliva – mi confidò lo scrittore milanese – è come la poesia capace di conservare per sua natura una propria integrità e trasparenza”.

 

Vi riporto alcuni stralci dell’intervista:

“… nei mie acqusiti mi oriento sicuramente verso ciò che rimanda più direttamente alla terra…”

“La mia scelta in qualità di consumatore non è legata al marchio, perché io le aziende non le conosco, mi affido solo al territorio. Se mi da’ fiducia il territorio… allora mi sento più soddisfatto”.

“Il prezzo che ritengo giusto per un buon olio oscilla secondo me tra le 10 e le 15 mila lire a bottiglia. Penso che sia il prezzo giusto. Io poi non voglio l’eccellenza nel consumo quotidiano, mi è sufficiente un prodotto giusto, mediamente corretto.Quanto agli italiani, questi hanno poca conoscenza di ciò che mangiano. Mangiano e basta”.

“ … sono un po’ preoccupato per il futuro della lingua. La poesia, invece, come l’olio conserva una certa integrità e nobiltà. Al contrario della narrativa contemporanea, che si è snaturata e riprende più il cinema che non i movimenti classici della letteratura. La poesia, proprio per sua natura, deve essere selettiva al massimo. Come l’olio ha questa trasperenza e levità”.

Carlo Castellaneta

Questa voce è stata pubblicata in Visioni. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *