Parola d’ordine: innovare

Conosco Federico Crespi e nello stesso tempo Franco Boeri. Il primo è il titolare di un’agenzia di pubblicità, la Federico Crespi & Associati; il secondo un produttore d’olio in Liguria, patron della Olio Roi, con sede a Badalucco, in provincia di Imperia, terra altamente vocata. Entrambi hanno fantasia e inventiva, voglia di stupire senza dover necessariamente ricorrere a effetti speciali. A loro è andato un premio per la campagna pubblicitaria “Olio su piatto”. Un pubblico encomio lo meritano a prescindere dal premio conseguito. Il mondo dell’olio ha bisogno di rinnovarsi e di scegliere nuovi linguaggi, nuove forme per comunicare. Quella intrapresa da alcuni, pochi, innovatori, è giusto segnalarla e valorizzarne la portata. Una buona idea per la ripartenza di un’Italia un po’ infiacchita e povera di idee e coraggio.

Complimenti dunque a Federico e Franco, e buon olio a tutto lo staff che vi ha lavorato.

La campagna pubblicitaria è stata progettata e realizzata da Federico Crespi e Associati, ed è l’espressione del direttore creativo Alessandro Biamonti e degli art director Paola Trebini e Francesco Grandazzi.

Il cliente è, come già evidenziato, Franco Boeri.

Il premio vinto è l’Oro Regionale Assoluto al Premio Agorà quale miglior lavoro di tutte le aree regionali italiane e premio assoluto tra tutte le categorie: televisione, radio, affissione, stampa, direct mailing, packaging, merchandising, comunicazione integrata e immagine coordinata.

Il progetto presentato aveva anche ottenuto nelle scorse settimane il premio Agorà d’argento regionale nella sezione “Annunci stampa” tra i lavori candidati al premio Agorà nell’area Liguria.

Il Premio Agorà, la cui prima edizione risale al 1985 e che quest’anno festeggia venticinque anni, è uno dei più prestigiosi premi pubblicitari in Italia: la giuria è composta da esperti di settore appartenenti alle più importanti associazioni di categoria. I progetti in gara erano oltre 250. La cerimonia di premiazione si svolgerà stasera a Palermo.

Questa voce è stata pubblicata in Verso il futuro. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *