Il verde degli ulivi. Il Salento. Un vigoroso filo d’olio

Si chiama Zucàro ed è il nome del primo appezzamento appartenuto alla famiglia Cavallo all’inizio del 1800. “Zucàro – si legge nel sito aziendale – è l’antico nome dialettale del funaiolo, l’artigiano che usava i fili di spago per intrecciare pazientemente funi a uso dei contadini, dei frantoiani, dei pescatori e di chiunque ne avesse bisogno”. Da qui anche il logo dell’azienda agricola salentina – con campagne ubicate tra Brindisi, Grottaglie, Leporano e Taranto – che consiste in una piccola fune, simile a quelle appena uscite dalle mani dello Zucàro. Di quest’azienda ho piacere di presentarvi “Il vigoroso”, un extra vergine da agricoltura biologica, ottenuto da olive Frantoio, Leccino e Coratina.

SAGGIO ASSAGGIO

Vista > Giallo dai riflessi verdolini

 

Olfatto > Fruttato di media intensità dalle connotazioni erbacee

 

Gusto > Ha gusto vegetale di carciofo e mandorla amara, buona fluidità e lieve sensazione di astringenza, con nota amara progressiva e ben pronunciata

Sensazione retro-olfattiva > Punta piccante in chiusura, e nota mandorlata

L’abbinamento > Con zuppe di legumi, verdure gratinate, carni alla brace

Questa voce è stata pubblicata in Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *