Fare il pieno dell’olio anche per gli altri

Anche oggi voglio restare nella sfera dello spirituale – d’altra parte è Pasqua: tanti auguri! – e così, in linea con il pensiero di don Tonino Bello, straordinaria figura di sacerdote prematuramente scomparso nel 1993, di cui ho riferito più volte, desidero riportarvi una sua esortazione: “Fare il pieno dell’olio anche per gli altri”. I più – scrive Bello nelle sue omelie crismali pubblicate con il titolo di Convivialità delle differenze – “non sospettano neanche lontanamente che questo luogo (la cattedrale) sta per diventare il cratere da cui si dipartono, come una colata lavica compressa in piccoli vasi, i rigagnoli dell’olio che simbolizza la pace, la forza, la santità dello Spirito”. Ciascuno di noi, di conseguenza, una volta che ha effettuato il pieno dell’Olio dello Spirito, è invitato a sua volta a donare parte dell’olio ha chi ha finito le scorte. Condividere, è questo il principio che ci deve animare. Non si può tenere tutto l’olio per sé.

AGGIORNAMENTO. Ed ecco, invece – mi è giunto or ora, alle 11.23 – un gradito omaggio, per immagini, di Valerio Marini. Grazie. Buona Pasqua

Questa voce è stata pubblicata in Ave sanctum oleum. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fare il pieno dell’olio anche per gli altri

  1. Giulia scrive:

    Buona Pasqua, direttore.

    • Antonio Leomanni scrive:

      Carissimo Luigi, da buon salentino Ti fà onore riprendere il messaggio del più grande difensore degli “ultimi” Don Tonino Bello, e questo ti rende “credibile” più che credente.Difatti è rimasta famosa la sua riflessione:”quando saremo di là non ci chiederanno se siamo stati credenti ma se siamo stati credibili”. Ciao , con tanti auguri e tanta fortuna per il tuo Oil officina, che seguo con simpatia e stina della tua intelligente cretività.Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *