Extra vergini d’eccellenza a rischio, il grido d’allarme dei produttori

Volete degustare anche quest’anno gli oli d’eccellenza cui ci hanno abituato i nostri migliori produttori? Allora bisogna rivolgere una preghierina al Signore. Sì, l’invocazione va rivolta proprio a colui che sta nell’alto dei cieli. Una preghiera che parta dal cuore affinchè impedisca allo Stato italiano di continuare a molestare i produttori. La speranza è che un Paese perennemente assente a se stesso, all’agricoltura e ai cittadini, incapace com’è di valorizzare i propri tesori, non vanifichi l’impegno di una vita, lasciando quanto meno lavorare in pace chi ha voglia ancora di farlo. L’olivagione 2011 potrebbe essere infatti a serio rischio. La burocrazia dei soliti noti sta sottraendo energie vitali alle persone oneste. Occorre allearsi per impedirlo. Da qui, in segno di solidarietà e rispetto verso i coraggiosi produttori d’olio che hanno deciso di protestare, ho deciso di riportare quest’oggi sul mio blog il documento con le dichiarazioni e le adesioni dei promotori dell’iniziativa.

 

UN GRIDO D’ALLARMEDAI PRODUTTORI

DI OLIO EXTRA VERGINE DI QUALITA’

IL REGISTRO SIAN PIEGA

LE ECCELLENZE DELL’EXTRAVERGINE ITALIANO

QUANDO LA BUROCRAZIA RENDE INAPPLICABILE UN PRINCIPIO GIUSTO

Ben vengano i controlli, sono sacrosanti. Ma così si decreta la fine delle piccole e medie aziende olivicole”.

A parlare con franchezza tutta toscana è Giorgio Franci, uno dei più noti produttori di olio extravergine italiano. Lo fa non solo a titolo personale ma in rappresentanza di una schiera di colleghi che si distinguono per una produzione di alta qualità e per l’attenzione certosina che mettono nel proprio lavoro.

Al centro delle loro critiche il cosiddetto Registro Sian (Sistema Informativo Agricolo Nazionale), entrato in vigore con il DM 8077/2009. In pratica si tratta di un registro telematico di carico e scarico dell’olio che, nella volontà degli estensori del decreto, doveva avere lo scopo di salvaguardare il principio di italianità dell’olio.

Obiettivo nobilissimo – sottolinea Antonella Pinna, produttrice sarda – ma che in Italia, a differenza che in altri Paesi, come ad esempio la Spagna nostro massimo competitor, ha avuto un’applicazione a dir poco eccessiva. Il Registro Sian, con la sua burocrazia cavillosa, costringe a un’attività quotidiana e a un dispendio di forze semplicemente impensabile per le piccole e medie aziende. Senza contare che va bene una trasparenza che garantisca legalità e rispetto delle regole, ma è assurdo chiederla in modo quasi feroce proprio a quelle aziende che si sono da tempo allineate al concetto di italianità dell’olio che sta alla base del decreto. Aziende che, a mio giudizio, dovrebbero decidersi a fare squadra, in modo da proporsi alle istituzioni come interlocutore credibile e indispensabile su tutte le questioni che riguardano il nostro comparto”.

La richiesta di uno scarico di dati continuo, infatti, costringe a un lavoro capillare che, per aziende che spesso contano su un numero limitato di lavoratori, risulta insostenibile.

Senza contare l’obbligo di fornire l’elenco completo di clienti e fornitori – aggiunge Marco Viola, noto produttore umbro – che, viste le falle che purtroppo caratterizzano il mondo on line, va necessariamente a determinare un mancato rispetto della privacy che aggiunge danno al danno. Va inoltre fatto notare che questo sistema rappresenta un unico abominevole, in quanto richiesto solo a noi produttori di olio. Se avessero provato a fare una cosa del genere con i produttori di vino, si sarebbe scatenata una guerra santa. E invece sono andati a colpire un comparto già sofferente, infliggendo quello che per molti potrebbe risultare il colpo di grazia”.

Urge quindi trovare una soluzione che, seppure nel rispetto delle regole comunitarie, non risulti penalizzante nei confronti dei piccoli e medi olivicoltori.

Pensiamo a un tavolo di lavoro – propongono i vari produttori riuniti per questa battaglia – intorno al quale sedere le varie parti in causa, al fine di trovare delle soluzioni condivise. Ripetiamo che noi siamo per la trasparenza, che andrebbe a premiare chi fa qualità. Ben vengano quindi degli enti di controllo, li accoglieremo a braccia aperte. Va bene anche riportare i dati richiesti ma non con la frequenza attualmente imposta. Seguiamo l’esempio di altri Paesi, onde evitare di perdere la leadership nella produzione di extravergine di qualità, settore che da sempre vede l’Italia al primo posto e che, con questa legge, rischia di veder scomparire centinaia di aziende di altissimo livello”.

PROMOTORI:

Giorgio Franci, Frantoio Franci s.n.c. – Montenero d’Orcia (GR)

Marco Viola, Azienda Agraria Viola – Foligno (PG)

Antonella Pinna, Az. Agr. Fratelli Pinna – Sassari (SS)

Giancarlo e Sabrina Bonamini,Frantoio Bonamini sas (VR)

Nicola Fazzi, Colli Etruschi, Blera (VT)

F.lli Fazari, Olearia San Giorgio – San Giorgio Morgeto (RC)

Antonella Titone, Az. Agr. biologica Titone – Locogrande -Marausa (TP)

Marina Colonna, Masseria Bosco Pontoni – San Martino in Pensilis (CB)

Laura De Parri, Azienda Agricola Laura De Parri – Canino (VT)

Francesco Gaudenzi, Frantoio Gaudenzi – Trevi (PG)

Antonella Roversi, Azienda Del Carmine – Ancona (AN)

Luigi Tega, Molino Il Fattore di Tega Luigi & C.- Foligno (PG)

Gabriella Gabrielloni, frantoio Gabrielloni E.&G., Recanati (MC)

Americo Quattrociocchi, Frantoio Oleario Quattrociocchi Amerigo, Atri (FR)

Maria Provenza, Frantoio Oleario Torretta, Battipaglia (SA)

Massimo Fia, Agraria Riva del Garda, Riva del Garda (TN)

Frantoi Cutrera, Chiaramonte Gulfi (RG)

Gionni Pruneti, Az. Agr. Pruneti, Greve in Chianti (FI)

Marina De Carlo, Frantoio Oleario De Carlo, Bitritto (BA)

Az. Agr. Comincioli, Puegnago sul Garda (BS)

Si uniscono solidali, anche se non destinatari del provvedimento in quanto trasformatori

Silvia Di Vincenzo, Az. Agr. Mandranova (Cb)

Pasquale Librandi, Azienda Agricola Librandi Pasquale, Vaccarizzo Albanese (CS)

Az. Agr. Decimi, Bettona (PG)

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Aneliti. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Extra vergini d’eccellenza a rischio, il grido d’allarme dei produttori

  1. maria teresa pellegrino scrive:

    E’ sempre emozionante quando ci si riunisce intorno ad una idea, una passione che per noi è fortunatamente anche il nostro mestiere…..
    Come fare a comunicare al mondo che ieri sera ero con il naso “appiccicato” ai vetri della finestra di casa e i lucciconi agli occhi ed il cuore in gola perchè grandinava, e su quegli alberi, proprio lì fuori, ci sono tante, ma tante olive!!!!………
    Sono con voi.
    Maria Teresa Pellegrino – Pellegrino srl – Andria

  2. …grazie alle informazioni che noi (frantoiani onesti) diamo al SIAN, ora le multinazionali dell’olio hanno dati preziosi!!!!!!!
    Cari colleghi è una triste realtà!!!! E NON PIOVE!!!
    …Fattoria Farchioni olio extravergine di oliva 100% Italiano con tantissima pubblicità (non polifenoli) €uro 2.90 bott. litro.

    E’ ORA DI FARCI SENTIRE!!!!

  3. Forza Frantoiani e’ ora di non accettare piu’ questa folle Burograzia che vuole distrugerci !!!
    I colleghi Liguri sono al Vostro fianco.
    Franco Roi

  4. Oliveto Fonte di Foiano scrive:

    Anche se non abbiamo l’obbligo del maledetto registro essendo solo Aziendali come frantoio diamo Massimo sostegno all’iniziativa. Produrre Un’ Olio di Eccellenza richiede un dispendio di forze altissimo e tanta tantissima esperienza, ci si arriva dopo anni e anni di studio e prove, chiediamo più rispetto oltre che a noi produttori anche al prodotto Olio in se stesso.

    • Esattamente, per produrre un olio d’eccellenza si richiede un dispendio di forze notevolissimo, ma anche di energie intellettuali, perché non si può produrre senza una progettualità. Peccato che lo Stato pur di favorire alcuni gruppi di potere inserisca sempre la burocrazia per foraggiare chi poi dovrà gestirla, a danno di chi invece dovrebbe produrre senza pastoie e imposizioni burocratiche.
      Chissà cosa verrà fuori nelle prossime settimane con l’inizio dell’olivagione…

      • silvana scrive:

        La Burocrazia … la vivo tutti i giorni , ma quando è troppa è troppa non ne posso più ! Solo in Italia è così esagerata che invece di farci crescere ci affonda sempre di più e sapete qual’è il bello ? Proprio LORO che la inventano non ci capiscono niente !! Anche noi sosteniamo l’iniziativa naturalmente. Grazie a tutti
        AGRESTIS SOC COOPERATIVA

  5. Grazie innanzitutto per tutte le Sue iniziatine cosi’ importanti per salvaguardare il marchio extravergine italiano di qualità. Approvo completamente quanto detto dai promotori. Nel mio piccolo, (vivo a Parigi) e produco olio a TUSCANIA, mi batto quotidianamente per far capire la differenza (ai francesi e non solo!!) tra un olio di origine incerta e quello risultato dalla raccolta, all’imbottigliamento passando dalla spremitura all’interno della stessa azienda agricola. Credo anche che l’UNIONE fa la FORZA:)
    cordialmente

  6. alessandra scrive:

    Sosteniamo anche noi l’iniziativa
    Società Agricola Doria srl

  7. Laura Turri scrive:

    Complimenti ai promotori per l’iniziativa alla quale aderiamo condividendone gli obbiettvi.
    Frantoio Fratelli Turri

    • I complimenti sono proprio meritati. Finalmente qualcosa si muove.
      E’ proprio assurdo, a pensarci. In altri Paesi – la Spagna, per esempio – sono più competitivi di noi; mentre in Italia le nostre Istituzioni matrigne e avare di buon senso, anziché lavorare per risolllevare le sorti di un comparto in seria difficoltà, insistono nel far arretrare i nostri produttori introducendo inutili ostacolii burocratici. Siamo proprio un Paese di folli, di folli, stupidi, incapaci, corrotti e perversi. Ma occorre reagire, per questo i complimenti sono ampiamente meritati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *