La maestosa bellezza del Garda, la bontà dei suoi oli

In aprile, nel corso del Vinitaly, ho avuto una bella e prestigiosa piazza per la presentazione del mio libro Olio di lago. Garda Dop. Si tratta di un bel volume illustrato edito da Mondadori che consiglio caldamente di leggere. E così ora, a distanza di qualche mese, mi ritrovo quasi per caso tre lettere di altrettanti rappresentanti istituzionali che non hanno potuto presenziare all’incontro, ma che hanno ugualmente manifestato piena soddisfazione per i contenuti del libro. L’incontro, organizzato dal Consorzio di tutela dell’olio Garda Dop, è stato anche lo spunto per assegnare un premio al merito a due brave e geniali “donne dell’olio”, in ordine alfabetico: Maria Cristina Guerrieri Rizzardi e Laura Turri.

I RICONOSCIMENTI

Inizio intanto dai riconoscimenti, con le motivazioni del premio.

A Maria Cristina Guerrieri Rizzardi > Per aver contribuito ad avviare con lucidità e lungimiranza il lungo e tortuoso percorso verso l’acquisizione della denominazione di origine protetta Garda, a difesa di una materia prima a rischio contraffazione, e per il tempo e la cura dedicati alla costituzione e riconoscimento del Consorzio di tutela.

A Laura Turri > Per la coriacea e limpida determinazione nel portare avanti una difesa a tutto campo del ruolo e della centralità delle denominazioni di origine protetta, e per l’impegno senza risparmio di energie che profonde da sempre a favore del Consorzio di tutela Dop Garda, di cui è stata, sin dalla costituzione, l’anima propulsiva.

LE LETTERE

Come già riferito, all’incontro che si è svolto il 6 aprile scorso a Verona, non sono potuti venire alla presentazione del volume Olio di lago. Garda Dop, i rappresentanti istituzionali, ma hanno creduto opportuno inviare al giovane presidente Andrea Bertazzi le lettere che riporto di seguito.

In ordine, quelle del presidente della Regione Veneto Luca Zaia, dell’assessore all’agricoltura della Regione Veneto Franco Manzato e, infine, dell’assesore all’agricoltura Giulio De Capitani.

>> LUCA ZAIA >>

Mi fa davvero piacere che in questa straordinaria vetrina veronese, che ci consente di presentare con legittimo orgoglio le innumerevoli eccellenze delle nostre produzioni enoiche e olivicole, trovi uno spazio particolare l’olio extra vergine di oliva Garda Dop, un prodotto che ha saputo conquistarsi per la sua originalità e per il lungimirante lavoro svolto dai produttori, dal consorzio di tutela e dall’intera filiera, un crescente apprezzamento a livello internazionale tra i consumatori, tra i cultori della gastronomia di qualità e tra quanti operano nel campo della ristorazione.

Il libro che viene presentato oggi celebra giustamente il lungo percorso di tradizione, di fatica, di dedizione compiuto in queste terre venete, lombarde e trentine che si affacciano sul più grande lago italiano, da coltivatori appassionati e innamorati del loro territorio. Ma è anche la celebrazione dei frutti che qui crescono grazie a un microclima favorevole, consentendo di produrre un olio di grande qualità, raffinatezza ed equilibrio.

A me preme sottolineare proprio la perizia, la cura e l’amore di tutti gli operatori del comparto, che attraverso il loro impegno quotidiano hanno difeso, promosso e tutelato la tipicità di uno degli oli prodotti più a nord del mondo.

Mi spiace di non poter partecipare all’incontro “Letto & gustato. L’olio Garda Dop si trasforma in libro“, ma voglio con questa breve nota congratularmi con l’autore, Luigi Caricato, per l’opera di ricerca svolta e per aver raccontato questa Dop non solo dal punto di vista gastronomico, ma anche storico ed affettivo. E’ senz’altro opportuno che sia, come è stato evidenziato in alcune presentazioni, “un libro per apprendere, un libro per divulgare”, rivolto, quindi, ad un pubblico più vasto di soli esperti e cultori del settore.

Bene hanno fatto i quasi 500 associati al Consorzio per la Tutela dell’olio extra vergine di oliva Dop Garda e il suo Presidente, Andrea Bertazzi, a promuovere questa iniziativa, realizzata anche grazie al finanziamento del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto, che va ben oltre il valore promozionale e che rappresenta uno degli appuntamenti più interessanti promossi nell’ambito di Sol, il Salone Internazionale dell’olio extra vergine di Qualità, altra felicissima intuizione che ormai da 17 anni arricchisce il più longevo Vinitaly e del quale è divenuta componente ormai irrinunciabile.

Buon lavoro a tutti.

Dott. Luca Zaia

Presidente della Regione Veneto

 

>> FRANCO MANZATO >>

Egregio Andrea Bertazzi,

ho ricevuto con piacere l’invito a partecipare alla presentazione del libro Olio di lago. Garda Dop ed è con rammarico che scrivo queste righe, scusandomi per la mia assenza durante un momento così rilevante, di particolare attenzione ai prodotti d’eccellenza del nostro territorio.

Occasioni come questa rappresentano un incontro tra la sfera dei prodotti tipici legati alla nostra terra e l’universo che gira intorno ad essi, dettato dalle tradizioni e dall’unicità. Un mondo tutto veneto, un modo di apprezzare i cibi e le bevande che ci appartiene, che ci è stato insegnato dalle scorse generazioni e che disegna la storia di un popolo radicato su un territorio che ama e che vuole valorizzare. Iniziative come questa dimostrano ancora una volta che sono i veneti a fare il Veneto e che la ricchezza del nostro suolo eccelle grazie al lavoro e alla costanza delle persone che amano la terra nostrana e desiderano metterla in primo piano, come oggi sta facendo Luigi Caricato.

Valorizzazione ed eccellenza sono infatti le parole d’ordine di questa 45a edizione del Vinitaly, che meglio di sempre ha saputo far emergere le sfaccettature che compongono il mosaico italiano, crogiuolo nel quale il Veneto ha saputo farsi luce con prodotti che raccolgono aspetti quali la qualità e l’originalità.

Concludo facendo i miei complimenti all’autore Luigi Caricato, ringraziandolo per la sensibilità nel trattare temi come questo, insieme ad un grande augurio di un buon Vinitaly al Consorzio Dop Garda e a quanti tengono alto il prestigio e il marchio dei prodotti veneti.

Un saluto cordiale

Franco Manzato

Assessore all’Agricoltura

Regione Veneto

 

>> GIULIO DE CAPITANI >>

Signor Presidente,

ringrazio per il cortese e gradito invito alla presentazione del libro Olio di Lago. Garda Dop alla quale, pur con grande rammarico, non potrò partecipare per impegni precedentemente assunti. Colgo comunque l’occasione per rivolgere i saluti e la considerazione di Regione Lombardia al Consorzio e a tutti i convenuti a questa importante presentazione.

Importante soprattutto perché celebra un prodotto di altissima qualità, un vero e proprio tesoro delle nostre terre. Da Assessore della più rilevante Regione agricola del Paese non posso, anche in questa occasione, che ribadire il mio orgoglio per i 23 prodotti lombardi che hanno ottenuto il riconoscimento europeo Dop o Igp, per le 15 Denominazioni di Origine Controllata – Doc e 4 le Denominazioni di Origine Controllata e Garantita – Docg, per un totale di 57 tipologie di vino di qualità; con altrettanto orgoglio cito i 243 prodotti tradizionali che testimoniano quanto la nostra Lombardia ha saputo fare bene, anche in agricoltura.

Devo dire che l’olio del Garda, in particolare, richiama alla mente i sapori antichi che si ritrovano nella sapiente armonia di note che lo rendono un prodotto davvero unico. Vi si ritrovano la passione, la tradizione, la cultura di un territorio che ha saputo preservare la propria identità. Per me un prodotto agroalimentare è anche questo: non solo una fonte di nutrimento e di gusto, ma un viaggio appassionato ed appassionante lungo i percorsi della storia, costruiti da uomini e donne che, grazie alla loro dedizione e al loro impegno, hanno saputo creare prodotti dalle caratteristiche uniche, proprio come l’olio del Garda.

Voglia gradire i miei migliori complimenti e i miei più cordiali saluti.

Giulio De Capitani

Assessore all’Agricoltura

Regione Lombardia

 

IL LIBRO

Ed ecco la scheda del libro realizzata dall’ufficio stampa Mondadori.

Luigi Caricato, OLIO DI LAGO GARDA DOP

Formato 17 x 24 cm

Pagine 108

Illustrazioni 90

Prezzo € 25,00

Editore Mondadori

In libreria 2010

Gli oli extra vergini di oliva prodotti lungo le sponde del lago di Garda -nelle campagne ricadenti nelle provincie di Brescia, Verona, Mantova e Trento- esprimono un segno di inconfondibile unicità. Le peculiarità di tali oli sono così evidenti da aver meritato nel tempo il pieno apprezzamento da parte dei consumatori. Sono oli morbidi ed eleganti, fini, ma non per questo meno sapidi. Hanno carattere e personalità olfattiva e gustativa, ma si contraddistinguono anche per la loro impronta delicata e nel contempo armonica. La differenza rispetto ad altri prodotti risiede nelle piante, nel vasto patrimonio di olivi che allignano lungo le sponde del lago, nella storia che si è accumulata nel corso dei secoli

Questo libro è dedicato agli olivicoltori di ieri e di oggi, a chi sovrintende alle operazioni di selezione, di coltivazione delle piante medesime, e di estrazione fino ad arrivare al miracolo del prodotto finale. Un omaggio che racconta, con illustrazioni raffinate, la storia, il territorio, l’identità e la biodiversità fino alla scoperta dei piacere nell’incontro con i cibi. Chiudono il volume tre ricettari firmati rispettivamente da Carlo Bresciani, Giuseppe Catalano e Isidoro Consolini.

 

Questa voce è stata pubblicata in Eventi, Libri. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *