E’ olio calabrese, un monovarietale da olive Grossa di Cassano

La Calabria è una regione che ha tutte le carte in regola per emergere. Ha un passato, una storia solida alle spalle. Oggi degustando l’extra vergine dell’Agricola Doria ho avuto il piacere di verificarne tutta la bontà. Il monovarietale Grossa di Cassano merita la giusta attenzione. E’ un fruttato intenso, erbaceo, con note di pomodoro e mela. Chissà com’erano gli oli un tempo. In un testo del 1853 si legge: “Gli uliveti danno olio leggero di buona qualità…”

In etichetta si legge il riferimento a Doria, Cassano allo Jonio; e si fa riferimento anche alla località Franci, Bisignano, in provincia di Cosenza.

E a proposito di Bisignano, ricordo una citazione che mi ero appuntato in uno dei miei taccuini:

“Gli uliveti danno olio leggero di buona qualità, che è sufficiente alle bisogne del luogo, e pure si vende di fuori. Gli ulivi vanno aumentando, perché la loro coltura è proficua; ed ora 14 frantoi non bastano a tritare le ulive e trarne l’olio”.

Il libro? E’ introvabile, ma io ne ho una copia, ben conservata: Il Regno delle due Sicilie descritto e illustrato, ovvero descrizione topografica, storica, monumentale, industriale, artistica, economica e commerciale delle province poste al di qua e al di là del faro e di ogni singolo paese di esse. Opera dedicata alla maestà di Ferdinando II, volume primo, Napoli, Stabilimento tipografico di Gaetano Nobile, 1853

Sempre nello stesso volume, a proposito di Cassano, compare un’altra citazione, che vi riporto con mia grande generosità:

“Gli oliveti non sono pochi, e di non piccola estensione; anzi non v’è anno che non s’impiantino ulivi nelle opportune contrade, massime in quelle della Caccianova, ove prontamente l’albero sacro a Minerva sviluppa e cresce. Da poco tempo in qua alcuni agricoltori pugliesi hanno introdotto un nuovo sistema e migliore di potazione di questa pianta, che non tenevasi per lo passato; mediante il quale gli ulivi si educano non molto alti, i rami si fanno crescere chiomati verso il suolo, e così rimangono meglio difesi dai venti e dalle intemperie, e la raccolta del frutto si rende più facile, e molto più abbondante. I nostri Cassanesi su l’esempio ricevuto stanno perfezionando quest’arte, da essi prima non ben conosciuta”.

 

SAGGIO ASSAGGIO

Ed ecco l’olio prodotto dall’Agricola Doria.

Vista > Giallo con riflessi verdolini, limpido

Olfatto > E’ un olio dal fruttato intenso, pulito e fresco, dalle chiare connotazioni erbacee, con richiami al pomodoro e alla mela

Gusto > E’ sapido, di buona fluidità, armonico, con amaro e piccante in equilibrio, gusto vegetale con richiami al carciofo

Sensazione retro-olfattiva > Note erbacee di campo, con una lieve punta piccante

 

L’ABBINAMENTO

Una ricetta di Giuseppe Capano: crema densa di lenticchie, castagne e broccoli su scodella di pane

 

Questa voce è stata pubblicata in Saggi Assaggi, Visioni. Contrassegna il permalink.

Una risposta a E’ olio calabrese, un monovarietale da olive Grossa di Cassano

  1. alessandra scrive:

    Grazie direttore!da parte di tutti i produttori che in lei trovano una professionalità seria, impegnata ed appassionata con la quale confrontarsi e trarne nuovi stimoli!da parte della Calabria, alla quale riconosce le carte in regola (peccato che spesso le giochiamo male!)! da parte di Bisignano e Cassano che ritrovano nelle sue citazioni il lustro di una storia operosa e dignitosa (ben lontana dagli orrori della cronaca!) Tre grazie profondamente sentiti da parte di tutti i Calabresi di buona volontà che sperano e credono di poter offrire qualcosa di buono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *