Straccetti alla zucca con vellutata di fave e lamelle di ricotta

Ho sentito nei giorni scorsi per telefono l’enologo Enrico Rana e subito ho pensato al gioco di cui mi aveva fatto dono e che si chiama IndoVINando. Ne è autore insieme con Giuditta Parisi, che è peraltro l’ideatrice di un progetto ludico più ampio e articolato. Il gioco è basato su alcune tra le più importanti denominazioni di origine toscane, e per partecipare occorre essere almeno in due. Ci sono così, nell’apposita confezione, le carte del vino: un blocco con domande sulla vigna, un altro con domande sul vino.

Chi vince si aggiudica il titolo di “mastro vinaio” e/o di “mastro di vigna”. Un bel gioco didattico. Sarebbe il caso di farne uno specifico sull’olio. Che ne dite?

Intanto, per non farci troppo coinvolgere dal vino, passiamo, come nostro dovere quotidiano, a onorare l’olio. Passo pertanto la mano a un personaggio che di creatività ne ha tanta: lo chef Antonio Ruggiero, con le sue ricette astrologiche. E così, per salutare tutti i nati sotto il segno del Toro (21 aprile-21 maggio), ecco, benedicenti, gli straccetti alla zucca con vellutata di fave e lamelle di ricotta nostrana.

Due parole prima di passare alla ricetta. Ruggiero presenta, con questo suo progetto, dodici oli astrologici per dodici mesi dell’anno, attraverso dodici ricette segno per segno.

L’idea è stata sviluppata da Ruggiero insieme con Gherard Kneipp e Felix Policastro.

A questo punto voi mi chiederete: e per i nati (22 maggio-21 giugno) sotto il segno dei Gemelli? Non c’è una ricetta anche per loro? Arriverà anche quella. Presto, molto presto.

LA RICETTA ASTROLOGICA DI ANTONIO RUGGIERO

Per i segni del Toro: straccetti alla zucca con vellutata di fave e lamelle di ricotta nostrana

E’ una ricetta di Antonio Ruggiero, del Ristorantino Fortezza Normanna in “Villa Cirelli”, borgo medievale Vairano Patenora.

Ingredienti per la pasta:

500 g farina

100 g zucca

5 uova

4 cucchiai olio extra vergine di oliva

sale q. b.

 

Procedimento

Preparare l’impasto della pasta con la zucca e preparare delle sfoglie, tagliarle a mano tipo straccetti e lasciarle asciugare a parte, prendere una padella bassa e mettere due cucchiai di olio extra vergine (di buona qualità) per ogni persona, far rosolare l’aglio aggiungendo subito dopo le fave pulite gr.200 (o lenticchie cotte precedentemente) lasciando completare la cottura.

Cuocere la pasta, saltarla nella stessa padella dove precedentemente sono stati cotti i porcini aggiungendo dell’acqua di cottura (serve a legare la salsa), lasciarla restringere fino a raggiungere una certa consistenza e servire in un piatto ben caldo.

Prima di servire con un pela patate, affettare della ricotta di pecora sugli straccetti in modo uniforme (e, a piacere, un filo di olio extra vergine).

 

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni, L'olio entra in ricetta. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Straccetti alla zucca con vellutata di fave e lamelle di ricotta

  1. Che bellissima idea quella del gioco sull’olio!!!!
    Complimenti all’ideatore dell’Indovinando!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *