Attenti, la Spagna non produce solo oli di massa

Ho ricevuto in questi giorni alcuni campioni di oli provenienti dalla Spagna. Si tratta di extra vergini di alto profilo qualitativo. E’ un grave errore illudersi che il paese iberico non possa essere concorrenziale con il nostro anche sul fronte delle peculiarità sensoriali. Ecco perciò alcuni esempi virtuosi, con le indicazioni per ottenere i migliori abbinamenti.

SAGGI ASSAGGI


> Olio monovarietale Cuquillo >> Area di produzione Moratalla, Murcia

E’ un olio rarissimo da degustare in purezza. E’ ricavato dalla molitura di una varietà di olive poco diffusa. Alla vista è limpido, di colore verde dai riflessi dorati. Al naso ha note olfattive vegetali fresche e pulite, di media intensità. Al palato si apre morbido e con una nota nettamente dolce e vellutata, di buona fluidità media, con una gradevole e tenue sensazione piccante. Nella sensazione retro-olfattiva, si percepisce un chiaro sentore di mela verde.

L’abbinamento: con insalata di carote e mele, crema di verdure, filetto di pesce alle verdure.

> Olio monovarietale Arbequina >> Area di produzione: Alfaro, La Rioja

E’ limpido e di colore giallo dorato dai riflessi verdolini alla vista. Al naso i profumi puliti, di media intensità, hanno una evidente connotazione erbacea.Al palato ha corpo e fluidità, armonia e gusto vegetale, con note amare e piccanti in buon equilibrio. Nella sensazione retro-olfattiva si percepisce una lieve punta piccante e i sentori di erba di campo con un tenue richiamo al pomodoro.

L’abbinamento: con lattuga, noci e pere, crema di zucca e porri, trancio di salmone al vapore.

> Olio monovarietale Empeltre >> Area di produzione: Cascante, Navarra

Alla vista è limpido e di colore giallo oro dai riflessi verdolini. Al naso si colgono immediatamente dei netti profumi fruttati mediamente vegetali. Al palato, si percepisce ha buona fluidità, una nota sapida e morbida, con le sensazioni di amaro e piccante in ottimo equilibrio e di tenue intensità. In chiusura i sentori di mela e una lieve percezione piccante.

L’abbinamento: con gnocchi di pane, farro con porri e zucchini, petto di pollo al limone.

Questa voce è stata pubblicata in Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Attenti, la Spagna non produce solo oli di massa

  1. Iole scrive:

    Mi incuriosisce la lettura di questi “saggi-assaggi”. Peccato che tali oli non si trovino sugli scaffali dei negozi nostrani. Non è un limite culturale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *