Chi salverà l’olio italiano

Pensavamo di non avere più chance, invece ora si delinea finalmente il futuro del comparto, a tinte rosa, e tutto ora è più semplice. Problemi risolti, si può ricominciare. Ci pensa il Ministero alle Politiche agricole. L’annuncio è stato dato a Verona, nella dependance del Mipaaf, a Sol&Agrifood. In cosa consiste la rivoluzione che muterà corso alla storia? In una operazione molto semplice. Una campagna di comunicazione istituzionale finalizzata a promuovere l’olio extra vergine di oliva. Si parte da qui. Il ministro Maurizio Martina lo ha annunciato con una punta di orgoglio. L’avvio dell’iniziativa – si legge in una nota di Veronafiere – è fissato per fine mese. Ero a Verona, lo confesso, ma ho saltato lo storico incontro, di conseguenza mi limito a citare il testo diffuso da Veronafiere:

“Per noi – ha detto oggi [il 10 aprile] Martina alla cerimonia ufficiale di inaugurazione della fiera – l’appuntamento veronese è una tappa obbligata, dove sviluppare idee di prospettiva e lanciare progetti”.

Bene, ci sono anche le figure giuste, una triade che porterà al successo internazionale l’olio e tutti i suoi protagonisti.

Leggo sempre nel testo del comunicato:

”Testimonial della campagna, che rientra tra le attività del Piano Olivicolo Nazionale, la food blogger Chiara Maci e gli chef Antonino Cannavacciuolo e Davide Oldani”.

Che aspettate a festeggiare? Il tanto atteso Piano olivicolo nazionale sta portando finalmente i suoi primi preziosi frutti.

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Questa voce è stata pubblicata in Cronache e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *