L’Italia di cui non sono affatto fiero

Negli Stati Uniti gli agricoltori in media guadagnano 69.300 dollari l’anno. Qualcuno forse pensa, o comunque si illude, che sia lo stesso, o quasi, in Italia? Si tratta di due agricolture differenti, in realtà. Quella americana opera su grandi estensioni, e non c’è frammentazione. Quella italiana, non soltanto soffre di una eccessiva frammentazione dell’unità poderale, ma addirittura estende tale frammentazione anche in campo commerciale, esasperandone le dinamiche attraverso una moltiplicazione di marchi inutili, magari anche ottenendo prodotti di indubbia qualità, ma in ogni caso ininfluenti come marchi commerciali, per disorganizzazione e incapacità di stare sul mercato senza una precisa strategia.

Poi, certo, gli agricoltori americani ricevono sostegni economici dal proprio Paese (ma anche servizi, in verità), anche perché l’agricoltura non può fare mai a meno dei sostegni. Esiste tuttavia anche una politica agricola seria dietro, in Italia assente. E, soprattutto, non esistono nemmeno – come invece abbondano in Italia – realtà associative che vadano contro gli interessi degli agricoltori. In Italia è una corsa a chi finge di stare dalla parte degli agricoltori, ma nel frattempo tali soggetti (enti, person, di tutto, di più) curano molto bene il proprio autosostentamento. Sono troppe in Italia le strutture composte da chi attinge ai fondi destinati agli agricoltori, per lo più burocrati, o finti professionisti, che con la scusa di stare dalla parte degli agricoltori li depredano, attingendo alle risorse finanziarie destinate all’agricoltura.

C’è oltretutto da aggiungere che negli Stati Uniti, per loro grande fortuna, non esiste nulla di paragonabile alla Coldiretti. Lì le organizzazioni di categoria svolgono il proprio ruolo egregiamente, per davvero, non si perdono in dichiarazioni da rendere alla stampa e in proclami sul tempo e sul maltempo, nè tanto meno sciorinano ogni santo giorno i risultati di pseudo sondaggi. Sono concreti, in America: lavorano. E in più non hanno neppure cattivi maestri che si servono dell’agricoltura per curare i propri personali interessi; e infine, in merito alla ricerca, loro sì che la sostengono. Quanto occorre per investire in ricerca negli Usa viene destinato direttamente a chi fa la ricerca. In Italia, al contrario, a disporre del denaro sono le associazioni di categoria, le quali a loro volta, facendosi gestori di fondi pubblici, esercitano un ruolo di primo piano, dettando anche l’indirizzo da assegnare alle ricerche. Tale ruolo determina uno squilibrio dei poteri, con una grave perdita di autonomia che penalizza fortemente il mondo della ricerca, rendendola vulnerabile alle imposizioni di chi gestisce il potere su ogni decisione. E’ per mancata indipendenza che la ricerca in Italia è ferma. Non assegnare un ruolo economicamente autonomo toglie respiro a chi dovrebbe essere il polmone di un Paese. Questa, purtroppo, è l’Italia che già conosciamo, e di cui io – permettetemi di evidenziarlo ancora una volta – non sono affatto fiero.

Questa voce è stata pubblicata in Olivo Matto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’Italia di cui non sono affatto fiero

  1. Davide Giuseppe Tassielli scrive:

    Ma quando la smetterete di dire che l’eccesiva frammentazione è un male!……se il Sud è ancora + o – a galla lo è grazie alle piccole imprese a conduzione familiare che sono troppo efficienti rispetto alle grandi organizzazioni….un grande impresa soffre per forza di cose di grosse inefficienze…l’Italia è il paese delle piccole-medie imprese! …… e vi aspettate che la gente vi riconosca un merito..che merito avreste!: quando va bene scrivete ovvietà, o cose che sanno già tutti…

  2. Davide Giuseppe Tassielli scrive:

    Impeccabile…davvero…il paragone agricoltura italiana e statunitense mette insieme agricolture omogenee…in fatto di estensioni, italia e USA, + o – sono grandi allo stesso modo!…anche in fatto di vincoli paesaggistici, cosa abbiamo che non possiamo abbattere….muretti a secco, neviere, qualche vetusto tempio…finanche anche un dolmen…oggigiorno poi non sono mica un problema i fiumi, i laghi”!… abbiamo decisamente gli stessi limiti di sotenibilità… anche noi possiamo piantare superintensivi di 200-300 ettari abbiamo solo l’imbarazzo della scelta (liguria…toscana…) ….anche le nostre potenze militari (uguali…) sicchè abbiamo potuto esercitare pressioni uguali negli ultimi 70 anni imponendo scambi commerciali a noi vantaggiosi…soprattutto l’unione europea segue esattamente i nostri dettami in fatto di agricoltura e alimentazione (non è assolutamente merito della Francia il fatto che L’europa abbia ancora una PAC)…eh si…è proprio vero, se non siamo risciti a raggiugere i risultati degli USA è per colpa della Coldiretti, è stata la Coldiretti, non lo stato, a impiantare acciaierie nella regione con più forti potenzialità agricole contaminandone il terreno per chissà quanti anni…è per colpa della coldiretti che i nostri tecnici-agronomi sono stati in egitto, turchia, scambiati per dei vantaggi per l’industria “nazionale” (che poi, si è spostata negli USA, ironia della sorte)…….OlivoMAtto….è proprio il nome giusto!

  3. vincenzo nisio scrive:

    Impeccabile.
    Mi sono sempre spaventato a vedere quante persone si sostengono sull’agricoltura in Italia, c’è poco da esserne fieri. Ha ragione direttore.

    Mi pongo spesso un banale quesito: ma se togliessero o riducessero notevolmente il sostegno economico alle imprese agricole, morirebbero prime le imprese o le associazioni di categoria, gli enti, le persone, i falsi professionisti ecc.?

  4. Alberto Guidorzi scrive:

    Luigi

    L’unico riconoscimento che potremo sperare di ottenere e quello che qualcuno ci dica: ” ma queste cose alcuni le avevano dette tanto tempo fa!”. Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *