Parole al vento

Tutti sappiamo come la pasta Garofalo non sia più in mano italiana. E’ un peccato, ma è così che funziona il mercato: chi compra, chi acquista. Non poteva mancare, in tutto ciò, la riflessione di Coldiretti, con il suo presidente Roberto Moncalvo. “Con la vendita della Garofalo agli spagnoli supera i 10 miliardi di euro il valore dei marchi storici dell’agroalimentare italiano passati in mani straniere dall’inizio della crisi”. Preoccupazione condivisbile, per carità. Poi Moncalvo chiarisce, secondo lo stile della sua organizzazione: “i grandi gruppi multinazionali – ha affermato – fuggono dall’Italia della chimica e della meccanica ma investono nell’agroalimentare nazionale perché, nonostante il crollo storico dei consumi interni, fa segnare il record nelle esportazioni grazie all’immagine conquistata con i primati nella sicurezza, nella tipicità e nella qualità”. Le sue dichiarazioni sono comprensibili, entrano nella logica comunicativa cui ci ha abituato Coldiretti: “si è iniziato – ha detto – con l’importare materie prime dall’estero per produrre prodotti tricolori. Poi si è passati ad acquisire direttamente marchi storici e il prossimo passo è la chiusura degli stabilimenti italiani per trasferirli all’estero”. Ora, chi mi conosce sa che sono tra i pochi che non asseconda il pensiero coldirettiano, non condividendone né i ragionamenti, né l’approccio, né l’animosità e l’arroganza con cui entrano in scena. Così, quando leggo il passo successivo del comunicato stampa diramato da Coldiretti, resto perplesso. In particolare quando leggo che si sta assistendo a “un processo di fronte al quale occorre accelerare nella costruzione di una filiera agricola tutta italiana che veda direttamente protagonisti gli agricoltori per garantire quel legame con il territorio che ha consentito ai grandi marchi di raggiungere traguardi prestigiosi”. Che vorrà dire Moncalvo con queste parole? Cos’è che non mi convince? Forse che la filiera unita possa cambiare il volto del Paese? E allora – mi dico – come mai piange da un lato l’ennesima perdita di storici marchi industriali dell’agroalimentare italiano, mentre dall’altro non smette di far guerra agli stessi marchi storici che via via stiamo inesorabilmente perdendo, acccusandoli peraltro ingiustamente del pecato originale di essere “industria alimentare” e perciò come tali nemici dell’agricoltura italiana. C’è qualcosa in Coldiretti che non mi convince. Mi sembrano parole al vento, insignificanti. Come si può aspirare all’unità di filiera se poprio Coldiretti si agita quotidiamente, nel tentativo di ostacolare gli storici marchi dell’agroalimentare italiano, denigrandoli in continuazione, quei pochi che ancora rimangono in Italia? Vedrete, assisteremo presto alla vendita di altri marchi prestigiosi, anche nel campo dell’olio (le trattative sono in corso) come pure assisteremo, nel contempo, alle solite parole al vento pronunciate dal coldirettiano di turno. Parole al vento, o, se preferite: lacrime di coccodrillo.

Questa voce è stata pubblicata in Olivo Matto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Parole al vento

  1. Alessia scrive:

    Solo qualcosa? Solo il non voler vedere, la mancanza di interesse per quello che ci circonda, può nasconderci il danno irreparabile perpetrato da Coldiretti alla cultura contadina facendoci sprofondare nel medioevo agricolo!

  2. massimo scrive:

    I Presidenti in Coldiretti cambiano più o meno con la stessa frequenza con cui cambiano i Papi.
    Il regista occulto rimane sempre, dietro alle quinte , come il Cuccia del salotto buono di un tempo che fu.
    I Presidenti cambiano ma le parole sono sempre le stesse. Facce diverse, magari abbastanza giovani tanto da far pensate ad un rinnovamento.
    Invece niente , a visi nuovi corrispondono sempre gli stessi pensieri, contraddittori, vacui da oppio per il popolo. Popolo che non ha voce, costretto ad obbedire a comandanti che hanno tutto l’interesse a far rimanere ignorante il proprio popolo e crea un credo, una bandiera , come uno Stato in un altro Stato, come Il Vaticano nello Stato Italiano o come l’esercito di terracotta cinese.
    Tutti ascoltano , soggetti politici inclusi , come anche il neonato movimento 5S. Tutti prendono per oro colato ciò che sostengono , compresi i media, tutti i media.
    Un quasi regime, ma forse senza il quasi, dell’agricoltura italiana.

  3. Vincenzo Nisio scrive:

    Vero, c’è qualcosa in Coldiretti che non convince. Mi sembrano parole al vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *