Tranquilli, è olio. Olio ottenuto da olive a Km 0

olio in plasticaQuesta mia foto ha un effetto dirompente. Non riporto il volto, semplice e spensierato, del venditore al mercato. Non è il caso. Mi sono avvicinato con grande rispetto, chiedendo il permesso di fotografare i peperoncini piccanti in bella mostra. La mia intenzione, tuttavia, era ben altra. Miravo alle bottiglie che vedete in tutta la loro baldanza. Il venditore, tutt’altro che sprovveduto, mi ha invitato subito, con una punta d’orgoglio, a pubblicare la foto su Internet. Ovviamente si riferiva ai peperoncini. Esponeva frutta e verdura in una nota località marina del Salento. Come potete notare, l’olio è stato riposto in bottiglie di fortuna, destinate originariamente a contenere bibite. Non so, non ho chiesto, né il prezzo né quante bottiglie vendesse e chi fosse l’acquirente. Al di là di tutto, resta un chiaro esempio di come ci sia ancora molto da fare. Credetemi: non vi sono intenzioni fraudolente. E’ solo l’espressione di un vuoto culturale. Su un fatto però si può essere più che sicuri: è olio a km 0, non d’importazione. La qualità? E cos’è mai la qualità?

olio in plastica 2

peperoncini

Questa voce è stata pubblicata in Cronache. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Tranquilli, è olio. Olio ottenuto da olive a Km 0

  1. Giulia scrive:

    Ma il registro telematico del SIAN è uno sconosciuto e la giustificazione che non si hanno indicazioni ormai non è più plausibile! In fase di controllo, se io non so vengo punita, non è concesso il “non sapevo”!

  2. Massimo scrive:

    Poveracci

  3. michele mastandrea scrive:

    La situazione del commercio dell’olio d’oliva a livello globale, regolata da pochi soggetti, ha ridotto in schiavitù i contadini meridionali che non hanno i mezzi nè materiali nè immateriali per sfuggire al giogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *