Sì, gli olivi effettivamente camminano, e non è un miracolo

famianiGli olivi camminano come gli umani, ne ho le prove. Ebbene sì, la vignetta che ieri ho postato sul blog, oggi la ritrovo rispecchiata nella realtà osservando, con grande emozione, la foto che il professor Primo Proietti, della Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia, mi ha gentilmente inviato. La rendo pubblico perché mi piace condividerla con voi. Anzi, ho anche un invito da farvi: perché non mi inviate le foto più strane, magari quelle che ritraggono alberi di olivo dalle sembianze umane? C’è perfino un libro, uscito più di dieci anni fa, di cui al momento non ricordo il titolo – ma presto, state pur certi, ve lo segnalerò – in cui si riportano gli esemplari arborei più antropomorfici che si siano mai visti sulla faccia della Terra. Intanto, vi rinnovo l’invito alla “Camminata d’Arte tra gli Olivi” di domani a Cavaion Veronese, dai Turri insieme con Arte da Mangiare. E anche oggi, in una giornata di sabato dal sole luccicante, è stata dedicata agli alberi d’olivo, e in particolare a due storici esemplari  di olivi antichi che ancora si trovano in provincia di Grosseto: l’olivone di Semproniano –  a Semproniano, appunto – e l’olivo della Strega, a Magliano in Toscana, di cui più avanti vi riferirò. Davvero interessante quanto è stato detto oggi nel corso della giornata dedicata al tema “Olivi Secolari e il paesaggio degli olivi in Maremma”.

sempronianoE’ stato infatti l’olivo secolare il tema principe della diciannovesima edizione del Premio “L’Olivo della Strega”, la manifestazione itinerante che ogni anno tocca un diverso comune della provincia per valorizzare l’olio e il suo legame con il territorio e che proprio oggi, sabato 6 luglio, si è svolta nella sala del consiglio comunale di Semproniano.

All’iniziativa, promossa e organizzata da Provincia di Grosseto, Camera di Commercio, Comune di Semproniano, Regione Toscana, in collaborazione con le Associazioni di produttori olivicoli e la Strada del Vino Colli di Maremma, hanno partecipato gli esperti del settore.

Nel corso della manifestazione, oltre al convegno, sono stati consegnati i premi ai migliori oli della provincia di Grosseto, a cura del gruppo Panel provinciale (di cui darò notizia in un prossimo post su Olio Officina) e, a seguire, si è svolta la degustazione di prodotti tipici del territorio di Semproniano.

Di seguito, giusto per consegnare agli onori della cronaca, l’iniziativa che si è appena conclusa, i dettagli del programma:

Olivi Secolari e il paesaggio degli olivi in Maremma

Moderatore: Luigi Caricato, giornalista

Interventi

Miranda Brugi, Sindaco di Semproniano

Francesco Viaggi, Giunta Camera di Commercio di Grosseto

Alfonso De Pietro e Paolo Meciani, Istituto Leopoldo II di Lorena – La tutela della biodiversità olivicola

Fabio Menchetti – Il museo diffuso dell’olivo di Seggiano

Vittoriano Baccetti – Olivi secolari a Magliano in Toscana

Gianni Bellini – Recupero e valorizzazione dell’olivone di Semproniano

Conclusioni: Enzo Rossi, Assessore allo Sviluppo Rurale della Provincia di Grosseto

All’incirca alle 12,30 c’è stata la consegna della “reliquia” dell’Olivone di Semproniano alle istituzioni, a seguire la premiazione dell’Olivo della Strega, a cura del gruppo Panel Test della provincia di Grosseto.

 

Questa voce è stata pubblicata in Cronache, Per immagini. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sì, gli olivi effettivamente camminano, e non è un miracolo

  1. Vincenzo Lucente scrive:

    Salve dott. Caricato, ho visto casualmente il Suo post. Volevo solo segnalarLe quello che magari ora conosce gia’. Si tratta del libretto di Leone Salvatore Viola, dal titolo Gli Ulivi Camminano, edizioni Prometeo, 1999. Forse ancora rintracciabile in catalogo. Si tratta di un breve saggio di archeobotanica ove si descrive il fenomeno di scissione e deriva del tronco di ulivo, durante il ciclo vegetativo millenario. L’osservazione dell’autore e’ su base empirica, ma molto interessante e supportato da un buon apparato fotografico (purtroppo in bn). La ringrazio dell’attenzione. Cordialmente, Vincenzo Lucente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *