La cosmesi all’olio da olive. Firmata Turri, Dop Garda

turriSe c’è qualcosa che mi sorprende in positivo, è che le aziende olearie abbiano oggi finalmente compreso che occorra valorizzare anche la linea cosmetica dei prodotti a base di olio extra vergine di oliva. Sono diverse le aziende ormai che si lanciano sul mercato. Non è facile raccogliere subito il consenso, ma è un passo necessario e doveroso. Da farsi, prima che altri, esterni al comparto olio, ne colgano tutti i vantaggi in solitudine, accaparrandosi una interessante fetta di mercato. E’ veramente una grande opportunità per le aziende olearie, ma occorre farlo con grande professionalità, affidandosi a cosmetologi preparati, anche perché la cosmesi incontra un pubblico esigente che non si accontenta del semplice ricorso agli oli da olive.  Curiosando tra le varie aziende, ad avermi colpito di recente è la linea cosmetica della famiglia Turri di Cavaion Veronese, oliandoli di antica data, operativi sin dal 1951. Nel loro approccio alla cosmesi c’è, tra l’altro, l’originalità nell’aver puntato non soltanto sull’olio extra vergine di oliva in quanto tale, ma addirittura sull’extra vergine a marchio Dop Garda, apportando un valore aggiunto ulteriore di cui è bene sempre tenerne conto. Davvero coraggiosi e pionieri i Turri, anche perché non mi sembra che altri abbiano valorizzato la propria denominazione di origine protetta per un prodotto cosmetico. Onore al merito, è proprio il caso di dire. Così, insieme con i vari prodotti disponibili – linea viso, linea corpo e saponi – c’è pure un libretto che accompagna e racconta l’attenzione per la cura e il mantenimento della bellezza attraverso il ricorso a una materia prima di grande pregio, l’olio da olive, molto adatta allo scopo di preservare, proteggere e nutrire in maniera adeguata la pelle. “L’olio della bellezza – ho scritto nella pagina dedicata al mese di luglio 2013 del Calendario dell’Olio – apre allo sguardo interiore”. Sottoscrivo questa frase così poetica, così perfettamente aderente alla realtà.

 

Questa voce è stata pubblicata in Cronache. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *