L’unità della filiera, con l’olio da olive quale bene comune

Pantaleo, FasanoSono trascorsi diversi giorni ormai, dall’incontro che ho tenuto a Fasano lo scorso 5 marzo presso l’azienda olearia Pantaleo. E’ stato un incontro che ha visto insieme diversi attori della filiera olio di oliva, riuniti per ascoltare me e altri relatori in merito a temi cruciali e ineludibili in tempi di grande crisi come quelli attuali. L’unità della filiera è l’obiettivo vero, e la foto di un pubblico attento e sensibile dimostra come sia giusto quanto opportuno che piccoli, medi e grandi operatori del settore possano convivere e percorrere una strada comune, senza per questo perdere la propria identità. In questi anni c’è chi ha lavorato per dividere, pur di mantenere fratture all’interno della filiera. Invece è tempo di cucire alleanze, di muoversi a favore di una condivisione di ideali. Sembrano frasi fatte, di circostanza, e invece sono appelli all’unità che non possono essere elusi, perché testimoniano l’urgenza della cooperazione. A tessere le fila di tali incontri, che si stanno svolgendo in varie tappe in Italia, nelle regioni a maggior vocazione olearia, è il Ceq, il Consorzio extra vergine di qualità. Il buon riscontro avuto a Fasano indica una strada da percorrere, l’unica che possa risollevare le sorti di un comparto in affanno. Debbo riconoscere che il lavoro svolto a Fasano da Pantaleo costituisca, di fatto, un passo importante per tutto il Paese. Ciascuno può fare la propria parte. L’aspetto più lodevole è che all’incontro vi erano aziende che oltre a vendere l’olio a Pantaleo, vendevano con successo anche in proprio. Si chiama sinergia, condivisione, passo comune. Senza unità non c’è futuro. Diffidate periò di chi getta indistintamente fango sul settore, l’Italia ha bisogno, come ha detto oggi, nella giornata di san Giuseppe, nel corso della messa di intronizzazione, il pontefice Francesco, di uno sguardo nuovo e conciliante, di misericordia e tenerezza. L’olio unisce le persone, chi vede nell’olio fratture rappresenta solo interessi contrari al bene comune.

Luigi Caricato

Pantaleo, Fasano

Questa voce è stata pubblicata in Aneliti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *