Spazio a giovani e giovanissimi. Ma dove sono?

La Cucina Italiana febbraio 2013Ancora “La Cucina Italiana”, questa volta il numero in edicola di febbraio. Nella mia consueta rubrica dedicata agli extra vergini, dal titolo “Conoscere l’olio”, spazio agli olivicoltori under 30. Non immaginate, tuttavia, quanto è stato difficile scovarli. Una grande fatica, per me, la mia assistente, e per la Redazione. L’olivicoltura è vecchia, rischia di scomparire, e seppure si parla tanto di giovani, nella realtà i giovani nel frattempo sono troppo adulti per essere definiti realmente giovani. Forse nessuno se ne rende più conto. Sarà un problema, credetemi.

Nel numero di febbraio dunque largo alle nuove generazioni. Il titolo molto esplicito: “Quant’è giovane l’extravergine” – ma è più un auspicio che non una realtà.

Quattro gli extra vergini segnalati, di cui sono artefici per la Sicilia Alessandro Modica e Graziana Ruta; per la Puglia Paolo Gramazio; e per la Toscana Paola Corsinovi.

La cosiddetta “spalla” dell’articolo è dedicata invece al progetto “Lampa!”, di cui ho acennato qui sul blog, e che ho avuto il piacere di ospitare a Olio Officina Food Festival.

Non meno importante il ruolo esercitato dalla presenza femminile sempre più incisiva anche nei numeri, motivo per il quale nell’articolo cito l’associazione delle Donne dell’Olio, ma per saperne di più non resta che andare in edicola. New vale proprio la pena. Tra l’altro a pagina 115 c’è una bellisisma foto a tutto campo con le olive appena raccolte.

Questa voce è stata pubblicata in Cronache. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Spazio a giovani e giovanissimi. Ma dove sono?

  1. Non avete cercato bene… Sono un olivicoltore di Ostuni, ed ho 26 anni. Ho preso in mano l’azienda datami da mio padre a 18 anni, e sono ancora qui, con enormi sacrifici, a combattere per cio chè mi hanno dato, cercando di migliorare giorno dopo giorno.
    Non ho un’azienda così conosciuta a livello nazionale perchè rappresento una realtà cooperativa qui in Ostuni, attualmente come vicepresidente, quale Oleificio Cooperativo di Ostuni, in cui credo fortemente, insieme ai miei colleghi amministratori e soci.
    E’ verissimo comunque che i giovani non vengono proprio attratti dal mondo agricolo, perchè magari sporco, faticoso…
    Comunque Sig. Caricato ho avuto già il piacere di conoscerla in una riunione a Monopoli per la faccenda alchiesteri, ma se per caso si trova nelle vicinanze ci venga a trovare, ci farà molto piacere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *