L’epifania dell’olio. Per coltivare mente e cuore

L'epifania dell'olio. Foto di Luigi CaricatoA Olio Officina Food Festival ci sarà – a cura degli artisti di “Arte di Mangiare, Mangiare arte”, capitanati da Topylabrys, al secolo Ornella Piluso – l’Orto della Bellezza, una serie di installazioni utili per cercare il volto dell’olio nella sua epifania. E così, per onorare questo sacro giorno, così intensamente spirituale, vi riporto un brano tratto da Il pane di ieri, meraviglioso libro di padre Enzo Bianchi, il priore della Comunità di Bose: “…a quattordici anni chiesi in dono a mio padre di affittare per me un fazzoletto di terra dove potessi avere il mio orto. Venni esaudito e da allora non sono mai riuscito a vivere senza accudirne uno (…)”.  Non “trovo soddisfazione più grande del mangiare i pomodori raccolti dalla pianta, dell’accarezzare i peperoni carnosi, il cuneo e il quadrato d’Asti, dello strappare uno spicchio d’aglio per mangiarmi, fattasi notte, nella mia cella, una soma di pane, olio buono, sale e aglio… Sono momenti in cui ripenso sovente con gratitudine a Pinot, che mi insegnò tramite l’orto ad avere un sano rapporto con le cose: non mi spiegava solo a piantare, seminare, fra crescere, ma mi aiutava anche a capire perché occorre seminare in se stessi, coltivare se stessi, far crescere se stessi e attendere i frutti”.

Non l’avete ancora fatto? Leggete i libri di Enzo Bianchi. Ne uscirete arricchiti e rinati.

Questa voce è stata pubblicata in Ave sanctum oleum, Olio Officina Festival, Visioni. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *