Solo Ciccio, solo Sultano

I tempi si avvicinano e così ritorno ancora una volta con le anticipazioni di Olio Officina Food Festival. Dopo la serata inaugurale di giovedi 24 gennaio, ad aprire ufficialmente i lavori del grande happening sui condimenti per il palato e per la mente, sarà lo chef siciliano Ciccio Sultano. Con me sul palco ci sarà anche quest’anno lo scrittore Nicola Dal Falco. L’appuntamento è per la mattina di venerdì 25 gennaio, alle ore 10. Presso il Palazzo delle Stelline. Ci si può già iscrivere.

Ed ecco una breve presentazione:

Solo Ciccio, solo Sultano, conversazione con Ciccio Sultano

L’aggettivo solo non sta ad indicare la solitudine dei siciliani, il mare attorno eccetera, eccetera, ma semmai la capacità storica dell’Isola e dei suoi abitanti di comprendere in sé una vastità di linguaggi e di esperienze.

La cultura culinaria di Ciccio Sultano, la sua esperienza di cuoco nel cuore dei Monti Iblei, sono al tempo stesso una definizione di centro e di circonferenza: solo qui e soprattutto qui.

«Sono un barocco d’avanguardia» – dice di se stesso, intendendo due cose: la scelta di aggiungere piuttosto che di togliere e l’idea che l’avanguardia coincida con la personalità. Fare fino in fondo il proprio mestiere di uomo.

«Solo chi trova il suo stile è moderno. Il resto è emulazione, accademia, forse paura» – aggiunge.

La conversazione in compagnia di Nicola Dal Falco seguirà il filo dei ricordi, delle sfide e di alcuni piatti emblematici, capaci di mostrare oltre le parole la cucina del Ristorante Duomo a Ragusa Ibla.

Nel corso delle due giornate milanesi, è disponibile nella libreria del festival il libro La Variante Sultano tradizione, modernità, storia di Vincenzo Cascone e Ciccio Sultano con le illustrazioni di Piero Roccasalvo, edito da Extemporanea, un vero e proprio diario delle radici isolane.

Questa voce è stata pubblicata in Olio Officina Festival. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Solo Ciccio, solo Sultano

  1. Giulia scrive:

    Grazie per l’anticipazione, ci sarò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *