Presepe su sansa nel frantoio Aloia

E’ arrivato Natale e io sono felice, perché il Natale è per me una tappa importante. Quando realizzavo per l’azienda agricola oggi condotta da mio fratello Francesco la rivista “L’Aria dei Messapi”, avevo ospitato una poesia inedita, scritta appositamente per me da Giorgio Mannacio, dal titolo “Natale in frantoio”. Oggi il 25 dicembre non si lavora più, si tende a far festa, si interrompono i lavori di raccolta e molitura, ma fino a qualche anno fa era diverso, si lavorava ininterrotamente, anche perché i tempi di raccolta delle olive erano più rallentati, non c’era la tecnologia di cui si dispone oggi. Ecco perché sono molto affezionato a quella poesia. E così oggi, per stare in tema di Natale riporto la foto del presepe che ogni anno la famiglia Aloia di Colletorto allestisce utilizzando la sansa, il residuo solido della lavorazione delle olive. C’è un legame di amicizia che mi lega alla famiglia Aloia e oggi voglio onorare questa amicizia con una citazione fotografica. A voi tutti buon Natale.

Questa voce è stata pubblicata in Ave sanctum oleum, Per immagini. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *