Cose dell’altro mondo. L’etichetta con data di scadenza staccabile

Come è possibile che esistano ancora in commercio – oggi, anno 2012 – bottiglie d’olio extra vergine di oliva con etichetta anomala? L’indicazione del “consumare preferibilmente entro” non può essere removibile, come si desume molto chiaramente dalla foto. Cose dell’altro mondo.  Non per fare i pignoli, ma è giusto che si osservino le regole. Per offrire garanzie al consumatore. Sono certo che tale anomalia venga risolta il prima possibile, evitando di incorrere in una simile, forse ingenua, ma imperdonabile irregolarità. L’azienda in questione è una organizzazione di produttori e fa parte del circuito di “Campagna Amica“. Mi auguro vivamente che Coldiretti vigili sui propri associati. Il consumatore deve avere la certezza che l’olio confezionato sia etichettato in modo perfetto, a norma di legge. O no? Forse Coldiretti dovrebbe vigilare di più e meglio, prima di lanciare generiche quanto infelici campagne di demonizzazione, solo per il gusto di fare folclore. Che ne dite?

Questa voce è stata pubblicata in Buoni o cattivi?. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Cose dell’altro mondo. L’etichetta con data di scadenza staccabile

  1. maurizio scrive:

    e il bello che in alcune catene alimentari ,ci sono degli extra a 2 euro e 50
    robi de mat

  2. alba guarini scrive:

    …… ed io che annualmente mi pongo il problema di verificare presso l’ufficio della repressione frodi, la correttezza dell’ etichetta, addirittura nella dimensione dei caratteri!!!! roba da matti!!!!!

  3. massimo scrive:

    Bella questa.
    Il lato positivo è che la filiera corta potrebbe contare sull’ausilio del distributore nel porre una scadenza più vicina a quella desiderata dal consumatore. In fondo l’olio è giusto che non abbia scadenza , come il vino. Tanto se poi diventa lampante, è ancora buono ed è più delicato.

  4. Fausto scrive:

    Incredibili stupidità. Sperando che qualcuno non riapra la storia delle ingenuità in buona fede recentemente apparsa per altre etichette Gardasee Sounding. Ma per favore! Chiamiamo le cose con il loro nome: truffe , se proprio proprio mettiamoci l’aggettivo “tentate” se vogliamo addolcirla. ;-))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *