Le oltre mille piante di Bianchera salutano Roberto Ota

Lo ricorderemo tutti per la grande passione che l’ha sempre contraddistinto. Vignaiolo e olivicoltore della Val Rosandra, Roberto Ota ha condotto l’omonima azienda agricola di Bagnoli a San Dorligo della Valle – Dolina, mettendoci anche l’anima, oltre che tanta competenza. Ora, però, non è più tra noi. E visto che l’area giuliana la frequento ormai da oltre un decennio,  e conosco i produttori per nome e cognome – quasi tutti, direi – mi sembra giusto ricordarlo dedicandogli il post odierno di Olio Officina. Ricordo ancora la sua fierezza. Anche perché la famiglia Ota si occupa di agricoltura da ben otto generazioni, e Roberto, in particolare, nel 2006 ha ricevuto tra l’altro il Premio “Fedeltà al Lavoro” dalla Camera di Commercio di Trieste. Peccato non poterlo rivedere alla prossima edizione di Olio Capitale, in marzo. Studi di agraria a Lubiana, prese in mano l’azienda familiare che produceva appena 50 litri d’olio. Oggi è tutta un’altra storia. I suoi tre ettari coltivati a olivo di olio ne producono molto, ma molto di più, dalle oltre mille piante. Ed è tutto olio Bianchera in purezza. Ota, tra i protagonisti della rinascenza oliandola giuliana, sono certo che coltiverà olivi Bianchera perfino in paradiso.

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Le oltre mille piante di Bianchera salutano Roberto Ota

  1. Battista Nardini scrive:

    Delle poche (purtroppo) volte che ci siamo incontrati, ricordo in particolar modo la sua spontaneità e la sua semplicità.
    Grazie Roberto.

  2. Aleksej scrive:

    Nasvidenje MAESTRO

  3. Willj Mikac scrive:

    … già, il suo quadernone ….. Un gran’modo di accogliere gli amici. Ne ho portati da lui parecchi e non sono rimasti insensibili alla suà semplicità. Grazie per averci ospitati sempre e comunque.

  4. Lanfranco Conte scrive:

    Apprendo adesso della scomparsa di Roberto Ota, è una grande perdita per il mondo dell’olio e non solo, ora mancherà il suo scrivere una riga al giorno nel suo quadernone, metro del passare lento del tempo.
    Ora avrà tutta l’eternità per registrare giorno per giorno quanto accade nel mondo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *