Pace e benessere anche per le olive in attesa

In campagna, d’estate tra gli olivi, è uno spettacolo unico. Tante olive attendono di arricchirsi d’olio, pronte per essere raccolte quando verrà il tempo. Peccato che quest’anno la crisi idrica abbia messo in ginocchio l’olivicoltura tradizionale. Non si può lasciare spazio all’improvisazione. Ci vogliono metodo e investimenti. L’olivicoltura deve essere elevata al ruolo di coltura da reddito. Organizzarsi bene, porta sicuri vantaggi alle piante, ma anche gioie a chi da esse chiede un copioso raccolto. Quando l’acqua di soccorso può raggiungere gli alberi assetati, questi, confortati, ricambiano con generosa gratitudine. La foto del post odierno su Olio Officina, è tratta da un angolo del Salento. Siamo a Villa Maria, nel comune di Monteroni di Lecce. Antonietta, che non ha esitato a dare pace a ogni albero, ora attende pazientemente il frutto liquido delle olive.

Questa voce è stata pubblicata in Aneliti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *