E’ stata una bella giornata. A Scansano. E non per finta

In Maremma, quella grossetana. Verso l’Amiata. Qui ho trovato elementi nuovi per coltivare un po’ di gioia, dopo tutti questi mesi di grande angoscia generale, tra crisi e disastri vari. La giornata che ho trascorso a Scansano è stata salutare. Il convegno – “Benessere a tavola. L’olio nella salute e nello sport” – ha abbracciato un tema tutto ancora da sviluppare. Siamo solo agli inizi. Ci sono poche pubblicazioni e pochi studi sull’utilizzo degli oli di oliva nella dieta degli sportivi. L’atleta, più che di anabolizzanti, ha bisogno di appropriate materie prime alimentari, tra cui una buona dose – senza mai eccedere – di grassi giusti, sani, fondamentali per le prestazioni agonistiche da sostenere, ma anche per il reintegro delle energie nei giorni successivi alle gare. Non c’è stato solo il convegno. Nel corso dell’incontro sono stati consegnati i premi relativi alla diciottesima edizione del concorso oleario “L’Olivo della Strega.

Vi riporto – per vostra curiosità – i vincitori: primi, secondi e terzi classificati, distinti per categoria di fruttato.

“Fruttati leggeri”

Primo: Azienda agricola Le Fabbre, di Ugo Piccolo, da Manciano

Secondo: Azienda Agricola Podere del Vescovo, da Montenero

Terzo: Azienda agraria Sergio Innocenti, da Montenero

 

“Fruttati medi”

Primo: La Poderina Toscana, di Davide Borselli, da Montegiovi

Secondo: Il Colombaio, di Ado Di Landi, da Seggiano

Terzo: Associazione dei produttori Olio Il Venerabile, da Batignano

 

“Fruttati intensi”

Primo: Azienda agricola Leonardo Sallusti, da Cinigiano

Secondo: Villa Magra, di Frantoio Francia, da Montenero d’Orcia

Terzo: Olio di Nonno Adamo, di Adamo Piccini, da Seggiano

Questa voce è stata pubblicata in Analysis. Contrassegna il permalink.

2 risposte a E’ stata una bella giornata. A Scansano. E non per finta

  1. Pingback: Leonardo Marras: “Andare oltre l’idea di una Toscana felix” – OlioOfficina

  2. Graziano scrive:

    Buongiorno Luigi
    causa impegni di lavoro, non sono potuto venire nella mia amata maremma per l’evento dell’Olivo della Strega ma, sono stato al Maremma Wine Food Shire e in tale manifestazione ho fatto un giro di assaggio di oli. Il Venerabile di Batignano arrivato terzo nei fruttati medi mi ha fatto piacere, lavorano bene e sono soprattutto da ammirare per l’impegno che mettono; Nonno Adamo arrivato terzo probabilmente con l’Olivastra Seggianese mi fa ancora più piacere perchè ha combattuto con due altri grandi produttori, Leonardo Salustri e Frantoio Franci due nomi importanti…il Salustri assaggiato nell’ultima edizione del MWS mi ha stupito per l’intensità dell’amaro e del piccante veramente equilibrati e di spessore….Complimenti cmq a tutti….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *