Questo non è un biglietto da visita

Già, tutto è tranne che un biglietto da visita. Tuttavia nel contempo fungerebbe proprio da biglietto da visita. In realtà è una bustina d’olio. La bustina contiene in particolare uno dei tre extra vergini vincitori della passata edizione del noto concorso oleario che si svolge a Trieste. Per degustare l’olio extra vergine di oliva vincitore del Premio Olio Capitale 2011, o per condire un direttamente piatto, è sufficiente piegare al centro la bustina easysnap.

Nella bustina vi è in particolare l’extra vergine biologico tradizionale della Fattoria Altomena, vincitore della categoria “fruttato leggero.

Una bella strategia, quella scelta da Aries per invogliare la gente a visitare i tantissimi oli di ottima qualità presentati in fiera a Olio Capitale. L’inziiativa è stata resa possibile grazie alla collaborazione con Confcommercio e  con l’Associazione commercianti al dettaglio. La bustina era possibile trovarla in tutti quei negozi del centro di Trieste in cui era esposta la locandina di Olio Capitale, unitamente al biglietto ridotto per visitare la manifestazione.

 

Questa voce è stata pubblicata in Olio Capitale, Per immagini. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Questo non è un biglietto da visita

  1. Massimo scrive:

    Anche gli oli confezionati in monodose hanno gli stessi problemi di shelf life della confezione normale. Occorre prestare la massima attenzione nella conservazione. In ogni caso conviene attribuire una durata di 12 mesi. L’altro aspetto importante e’ la tipologia di olio che deve necessariamente avere una buona carica fenolica protettiva. Non bisogna fare l’errore di trattarlo al pari di altri condimenti come ad esempio aceto, maionese e ketch up.

  2. laura scrive:

    è un ottima azione di marketing. Ho un unica perplessità, mancando d’esperienza: la qualità dell’olio rimane tale?

  3. Massimo scrive:

    L’iniziativa dell’Aries merita la giusta enfasi. Va nella giusta direzione della divulgazione del ” gusto buono ” dell’olio. Tutti dovrebbero seguirne l’esempio. Ricordo che quando ero bambino ci consegnarono a casa una piccola confezione di CIF ammoniacal per la pulizia dei bagni. Cosa c’entra? Certamente il prodotto non ha attinenza con il prezioso condimento, ma l’azione di marketing si. In quel momento milioni di famiglie italiane avevano avuto conoscenza di un prodotto nuovo che ebbe un notevole successo di vendite. Perché non inondare milioni di italiani con monodose di ottimo olio extravergine di oliva, accompagnato da informazioni alimentari che spieghino le caratteristiche positive dell’extra vergine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *