Il Grignano incontra il cibo

Al Sol sono stato ospite per un pranzo frugale da Giovanni Salvagno, titolare del frantoio per olive omonimo, di Nesente Valpantena, in provincia di Verona. Non ho mai avuto occasione di visitare l’azienda, ma entrare nel suo stand è come entrare in famiglia. Ho potuto così condividere un menu che ha saputo valorizzare egregiamente gli oli di un territorio generoso. In particolare ho avuto piacere di abbinare l’extra vergine monoviarietale Grignano con quattro ghiotte proposte. Le seguenti:

– Foglia di roast beef con salsa verde

– Formaggio stagionato Malga con crema di pomodori

– Polentina calda con la “soppressa del Gianni” e le sue olive snocciolate

– Bruschettina con polpa di olive nere e ricotta profumata alla maggiorana

E’ stata una bella esperienza. E’ così che si fa. Per far conoscere i propri oli non ci si può fermare soltanto all’olio preso in se stesso. L’olio può essere apprezzato in purezza, per individuarne natura e identità, ma non può restare una monade perenne.

L’olio è destinato a incontrare il cibo, ed è su questa linea d’onda che occorrerà ogni volta promuoverlo.

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il Grignano incontra il cibo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *