Il futuro dell’olio inizia da qui

Chi vive in Calabria è avvisato. Il 22 marzo sarò a Lamezia Terme. Ulteriore tappa del ciclo di incontri dedicati all’innovazione in olivicoltura, organizzati da Bayer CropScience. Ogni volta è come se fosse la prima volta, è sempre un piacere e una grande emozione per me incontrare gli artefici dell’olio che sarà. Tutto si gioca in campagna. La qualità nasce in campo e bisogna applicarsi bene per una buona riuscita dell’olio che verrà. Il mondo dell’agricoltura è parte integrante di me, per solide radici familiari. Rivedere i volti di agricoltori e imprenditori impegnati in olivicoltura è come ritornare a casa.

La foto a corredo di questo post ha per titolo “Promesse d’ulivo” ed è di Alessandra Paolini, produttrice calabrese di oli eccelsi. Ma ecco intanto il programma dell’incontro in dettaglio. Venite a trovarmi.

L’innovazione in olivicoltura: un’esigenza per l’intera filiera

22 marzo 2012, ore 17.30

T Hotel Lamezia

Località Garrubbe – Superstrada 280

Adiacenze Centro Commerciale

Feroleto Antico, Lamezia Terme (CZ)

 

PROGRAMMA

17.30 Registrazione dei partecipanti

18.00 Apertura dei lavori e saluti

 

La via del marketing e della comunicazione per risollevare il mercato dell’olio

Luigi Caricato, Teatro Naturale

 

La buona qualità dell’olio parte dalla salubrità delle drupe

Nino Iannotta, CRA-OLI

 

Le malattie fungine dell’olivo in Calabria

Gaetano Magnano di San Lio e Giovanni Enrico Agosteo

Università Mediterranea di Reggio Calabria

 

Nuove acquisizioni nella protezione dell’olivo dalle malattie fungine della chioma

Franco Nigro, Università di Bari

Flint Max: l’innovazione che mancava in olivicoltura

Carlo Risi, Bayer CropScience

Coordina: Gaetano Magnano di San Lio

 

Questa voce è stata pubblicata in Eventi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il futuro dell’olio inizia da qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *