Gamberetti con carciofo violetto di Albenga e patate quarantina bianca

Oggi una ricetta, per rilassarmi. Materia prima proveniente dalla Liguria. Questa ricetta è riportata nel volume L’evoluzione dell’olio in cucina, un libro che ho pubblicato nel 2010, ma in edizione fuori commercio, per conto del Comune di Lucinasco, in provincia di Imperia. I gamberetti, delicati e freschi, si sposano perfettamente con l’olio extra vergine di oliva Dop Riviera ligure e con una tra le patate più rinomate delle vallate liguri, la quarantina bianca, di granulazione fine e dal gusto delicato, dall’aspetto non farinoso. Insieme con le patate, è assolutamente da procurarsi il carciofo violetto di Albenga, dalle foglie interne tenere, dolci e croccanti.

LA RICETTA

Ingredienti

600 g di gamberetti

6 carciofi violetti di Albenga, freschi

4 patate quarantine bianche

1 cucchiaino di prezzemolo tritato

1 cucchiaino di semi di finocchio

Mezzo limone

Alcuni grani di coriandolo

Olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure

Sale q. b.

Preparazione

Si sgusciano e si puliscono i gamberetti.

Si macinano finemente i semi di finocchio.

Si puliscono i carciofi eliminando le parti esterne. Si utilizza un pezzo di gambo e i cuori di carciofo, dopo averli opportunamente tagliati in quattro parti, e si immergono in una soluzione acidula di acqua e succo di limone.

Si sbucciano le patate , si lavano e si tagliano a spicchi, riponendole in una ciotola d’acqua fredda.

Si ripongono in un cestello i gamberetti per poi cuocerli a vapore per circa tre minuti.

Si scolano i gamberetti e si condiscono con tre cucchiai circa di olio extra vergine di oliva Dop Riviera ligure, semi di finocchio finemente macinati e il prezzemolo tritato, avendo cura di conservarli al caldo.

Si scolano le patate lasciate in ammollo e si collocano insieme con i carciofi nello stesso cestello in cui sono stati cotti i gamberetti, lasciando cucocere per  circa 20 minuti.

Si scolano i carciofi e le patate e si condiscono con semi di coriandolo, olio e sale a piacere, unitamente ai gamberetti, pronti per essere serviti.

Questa voce è stata pubblicata in L'olio entra in ricetta, Libro anch'io. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *