Oggi mi rifugio nella poesia

Io sono nato a pochi chilometri da Lecce e da ragazzo seguivo gli articoli e gli interventi letterari del professor Ennio Bonea, docente di letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Lecce. E’ da lui che ho appreso che il mio cognone, Caricato, è mutuato dal greco, e significa “scorzuto”, “scorzadura”. In questa giornata di grande lavoro, mi riposo rileggendo i suoi versi:

Gli ulivi
sono fantasmi affollati
oltre i lunghi filari delle viti.

Ennio Bonea

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Oggi mi rifugio nella poesia

  1. C’è tutta l’impronta del Salento della prima metà e oltre del Novecento in questi versi, quando l’ulivo e la vite conviveano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *