Eccellenze che partono dall’anima

Tra gli oli che più mi hanno sorpreso quest’anno, metto al vertice dei miei pensieri quello prodotto nella Tenuta Il Paratino. Si tratta di una proprietà donata da un benefattore alla Comunità di San Patrignano – l’oliveto è ubicato a Cecina, nel Livornese – e costituisce un bell’esempio di luogo di recupero e reinserimento sociale attuato con successo. In quest’olio c’è la forza propulsiva di chi ha manifestato il coraggio di invertire la rotta. L’olio? Pura eccellenza.

Ne ho già scritto su La Cucina Italiana di giugno, ne scrivo ancora adesso con grande gioia. Grande gioia, sì, perché non è facile individuare tanto facilmente eccellenze come l’extra vergine Il Paratino.

L’olio è ricavato dalla molitura di olive Maurino, Lucchese, Moraiolo e Frantoio.

SAGGIO ASSAGGIO

Vista > Verde dai riflessi dorati, limpido

Olfatto > E’ un fruttato di media intensità, verde, erbaceo, con sentori di cardo

Gusto > Ha buona fluidità, corpo e struttura, gusto avvolgente, vegetale, con richiami di carciofo, mandorla amara e toni speziati

Sensazione retro-olfattiva > Erba di campo e punta piccante

L’ABBINAMENTO

Alcune ricette: panzanella, zuppa alla maremmana, lepre in salmì

Questa voce è stata pubblicata in Abbinamenti, Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *