Un succo di olive Lantesca, un succo di olive Razzola

Tra gli oli che hanno partecipato al banco d’assaggio predisposto per la festa-evento per i 50 anni dell’olio extra vergine di oliva lo scorso 2 dicembre, ve ne sono due prodotti a Castelnuovo Magra, in provincia di La Spezia. Sono due oli monocultivar: il primo da olive Lantesca, l’altro da olive Razzola. Tutti e due firmati da Ca’ de Bruson.

SAGGIO ASSAGGIO

Il primo, quello da olive Lantesca

Vista > Giallo dai riflessi verdolini, limpido

Olfatto > E’ un fruttato medio-leggero, vegetale, con richiami al carciofo e note mandorlate

Gusto > Ha buona fluidità, medio-elevata, e armonia, con sensazioni amare e piccanti ben dosate e progressive, con una lieve sensazione di astringenza

Sensazione retro-olfattiva > Toni mandorlati, con una lieve punta di piccante in chiusura

 

SAGGIO ASSAGGIO

Il secondo olio, sempre prodotto da Massimo Lagomarsini dell’azienda agricola Ca’ de Bruson, è ottenuto da un’oliva tipica del sud della Liguria, la Razzola

Vista > Giallo dai riflessi verodolini, limpido

Olfatto > E’ un fruttato leggero, fine ed elegante, pulito, con toni vegetali di carciofo e richiami alla mandorla

Gusto > Lieve percezione amara e piccante, armonico, dopo una iniziakle sensazione di dolce, con una nota erbacea e una lieve astringenza nel finale

Sensazione retro-olfattiva > Nota di mandorla

 

L’ABBINAMENTO

L’olio da olive Lantesca > crema di carote crude con condimento di peperoni rossi

L’olio da olive Razzola > alici in pangrattato

Questa voce è stata pubblicata in Abbinamenti, Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un succo di olive Lantesca, un succo di olive Razzola

  1. Pingback: Un oliveto per ufficio – OlioOfficina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *