L’olio di Manciano? Con l’acquacotta

C’è un olio del grossetano di cui quest’oggi vi voglio tracciare il profilo sensoriale. E’ quello ottenuto dalla molitura di olive Pendolino, Leccino e Frantoio. Prodotto dalla Tenuta Montarlese di Manciano, ho avuto modo di degustarlo a Milano, in occasione del banco d’assaggio predisposto per la festa-evento dello scorso 2 dicembre, l’open day da me organizzato in omaggio ai 50 anni della denominazione merceologica “olio extra vergine di oliva”.

 

SAGGIO ASSAGGIO

Vista > Verde intenso, limpido

Olfatto > E’ un fruttato di medi aintensità dalla chiare connotazioni erbacee con richiami vegetali al cardo

Gusto > Ha buona fluidità, morbidezza e armonia, gusto vegetale di carciofo, vellutato, con equilibrio delle note amare e piccanti, ben dosate

Sensazione retro-olfattiva > Note di erbe di campo, lieve punta piccante

 

L’ABBINAMENTO

Con tagliatelle, gamberi e scampi; acquacotta; cipolle alla grossetana; arista di maiale al forno

Questa voce è stata pubblicata in Abbinamenti, Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *