Ruote pazze al pesto. Tutta un’altra storia

Oggi mi tuffo idealmente in Liguria, anche se sono a Milano e domani dovrò purtroppo votare. Mi consolo consacrando il pranzo con le celebri ruote pazze di Benedetto Cavalieri. Il condimento? Pesto alla genovese, naturalmente. Quello realizzato con materie prime orginali.

Il pesto. Si presenta con una tonalità di colore che varia dal verde chiaro al verde intenso, con una consistenza densa e omogenea. Un profumo delicato ma persistente di basilico fresco, di aglio e formaggio stagionato. Un gusto sapido e leggermente piccante.

Inutile evidenziare come l’olio per eccellenza sia quello prodotto in Liguria da olive autoctone.

LA RICETTA > RUOTE PAZZE AL PESTO

Ingredienti

Ruote pazze

Foglie di basilico

Aglio

Pinoli

Sale grosso

Olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure

Pecorino piccante grattugiato

Parmigiano reggiano grattuggiato

 

Preparazione

Per il pesto si pongono due spicchi d’aglio e qualche grano di sale in un mortaio, aggiungendo le foglie asciutte di basilico, quindi i pinoli, il pecorino sardo e il parmigiano, continuando senza sosta a pestare e incorporando volta per volta l’olio extra vergine di oliva, avendo sempre cura di strofinare lungo le pareti anziché premere e pressare dall’alto. Una volta ottenuto un composto cremoso, si versa in una terrina e, con un cucchiaio di legno, si amalgama aggiungendo dell’altro olio.

Si cuociono le ruote pazze di Benedetto Cavalieri e appena cotte al dente si versa il pesto e sono pronte per essere servite.

PERCHE’

Perché le ruote pazze con il pesto? Perché questa ricetta ha deliziato quanti erano presenti a Milano lo scorso 2 dicembre, in occasione della festa-evento per i cinquant’anni dell’olio extra vergine di oliva, giornata da me ideata.

Questa voce è stata pubblicata in L'olio entra in ricetta. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Ruote pazze al pesto. Tutta un’altra storia

  1. Pingback: Nodino di mozzarella affogato in puro olio extra vergine di oliva – OlioOfficina

  2. Grandi le ruote pazze, ma anche hgli altri formati. Siamo orgiogliosi di un pastificio tutto salentino.

  3. Bosina scrive:

    Le cercherò! E anche un buon basilico e un ottimo aglio per fare il pesto. L’olio perfetto, ligure, in casa di un ligure non manca ovviamente mai! Chissà se Cavalieri propone anche formati piccoli… sto studiando tante ricette con le pastine! Buon voto (ahimè, ci tocca).

  4. massimo scrive:

    Che combinazione! Proprio ieri dal pizzicagnolo Torio, a soli 100 metri da casa mia, ho fatto una scorta di pasta Cavalieri. Spaghettoni e ruote pazze. Prossimamente preparazione del pesto in casa e. . .delizia per il palato. Il prezzo? Certamente non da tutti. Un pacco da 500 g 3 euro contro 0,75 di una pasta normale. Ma il piacere costa. Provate a fare una prova culinaria: da un lato comprate una pasta regolarmente in commercio ed un pesto anch’esso regolarmente in commercio. Se volete aggiungetevi un olio blend europeo. Dall’ altro usate le ruote pazze Cavalieri ed un pesto fatto in casa. Come canta Pino Daniele: tutta n’ata storia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *