Tutti a guardare, con occhi incantati, la giornata dell’orgoglio oliandolo

Una sorpresa per quanti seguono Olio Officina ogni tanto ci vuole. Lo scorso 2 dicembre – ricordate? – ho organizzato a Milano la giornata-evento dedicata ai cinquant’anni della categoria merceologica olio extra vergine di oliva. Una iniziativa lodevole, l’unica in Italia, di cui tanto sono orgoglioso. E’ stata tra l’altro occasione per presentare ufficialmente il progetto Olio Officina. E ora, a distanza di qualche mese, la sorpresa: il cofanetto contenente ben quattro Dvd in cui viene riportato l’intero evento. Vi sembra poco? Ora quella magnifica giornata è stata storicizzata. Ma non è finita qui. Da me, da Olio Officina e da Teatro Naturale, aspettatevi altre sorprese.

Il cofanetto è una realizzazione di Agrilinea. Importantissima e centrale è stata la collaborazione della collana “Coltura & Cultura”. Un sentito ringraziamento va a tutti gli sponsor e agli enti patrocinanti; un grazie dal profondo del cuore al pubblico che ha partecipato numeroso e attento, e nondimeno alle aziende che hanno inviato i propri oli extra vergine di oliva in libera degustazione al banco d’assaggio; e un grazie infine a coloro che mi seguono fedelmente e onorano il mio lavoro. Grazie

Questa voce è stata pubblicata in In video, OlioOfficina. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Tutti a guardare, con occhi incantati, la giornata dell’orgoglio oliandolo

  1. Pingback: L’olio. Per immagini. Una vignetta di Vincino – OlioOfficina

  2. Pingback: Un salto nella Sicilia sud orientale, a Buccheri – OlioOfficina

  3. Pingback: L’olio di Manciano? Con l’acquacotta – OlioOfficina

  4. Pingback: Un succo di olive Lantesca, un succo di olive Razzola – OlioOfficina

  5. Pingback: Straccetti alla zucca con vellutata di fave e lamelle di ricotta – OlioOfficina

  6. Pingback: Dagli olivi della Maremma, la beata leggerezza ed eleganza di And’Olio – OlioOfficina

  7. massimo scrive:

    Un grazie a Luigi Caricato per il cuore e la passione che spende quotidianamente nel suo prezioso lavoro. Solo gli “innamorati” si ricordano delle ricorrenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *