L’olio al femminile

 

Quest’oggi al Vinitaly sono stato il “beato tra le donne” e non me ne dispiace. Nel corso della conferenza stampa dedicata alla presentazione del nuovo corso dell’associazione nazionale delle Donne dell’Olio, sono stato io a introdurre sia la presidente Laura Turri, sia la vicepresidente Francesca Pingi. Veneta la prima, laziale la seconda. Non intendo qui riportarvi la cronaca dell’incontro, ma preferisco piuttosto presentarvi un mio “saggio assaggio”.

Un po’ di cronaca, essenziale, mi sembra però giusto farla. Sala piena, pubblico prevalentemente femminile, due cameramen, perfino una giornalista giapponese specializzata in olio di oliva e una sopresa in apertura e in chiusura d’incontro.

La donna dell’olio Gabriella Gabrielloni è arrivata dalle Marche con un carico di cd musicali contenenti il “Canto dell’olivo”, con musica e voce di Renato Castagnoli. E non solo, è arrivata pure con il compositore e cantante Castagnoli in persona, il quale ha eseguito il brano sia in apertura, sia in chisura di confernza stampa, tra lo stupore dei giornalisti presenti. Prima conferenza stampa al Vinitaly con musica dal vivo!

Ora basta, prima del “saggio assaggio” una info doverosa: il nuovo logo dell’associazione delle Donne dell’Olio è di Alberto Martelli, un’artista della grafica che ammiro moltissimo.

 

SAGGIO ASSAGGIO

 

Dop Garda Orientale, “Turri”, da olive Casaliva, Raza, Trepp e Pendolino

L‘olio extra vergine di oliva di Laura Turri è prodotto a Cavaion Veronese

Vista > Giallo oro dai riflessi verdolini, limpido

Olfatto > Ha profumi fruttati leggeri, freschi e puliti, con sentori di mela e carciofo

Gusto > Ha buona fluidità, finezza e una sensazione morbida e armonica, con note vegetali di carciofo e mandorla dolce

Sensazione retro-olfattiva >  Una lieve punta piccante, la mandorla e note di fruttta bianca

L’abbinamento > Linguine con zucchine, capperi e menta; vellutata di zucca; trota in crosta aromatica alle olive e pomodori

 

Dop Sabina, “Sole Sabino”, da olive Frantoio, Carboncella e Leccino

L’olio extra vergine di oliva di Francesca Pingi è prodotto a Castelnuovo di Farfa, nella Sabina Retina

Vista > E’ verde dai riflessi dorati, limpido

Olfatto > Ha profumi di mediamente intensi dalle connotazioni erbacee e richiami di carciofo

Gusto > Ha buona fluidità e si apre fine e delicato, con personalità e note amare e piccanti armoniche e suadenti

Sensazione retro-olfattiva > Lieve punta piccante e rimandi alla mandorla

L’abbinamento > Con ravioli, pomodoro e basilico; insalata verde; terrina di coniglio e olive

Questa voce è stata pubblicata in Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’olio al femminile

  1. Maria Carla scrive:

    ho assaggiato entrambi gli oli, ottimi.la conferenza stampa alla quale ho assistito posso proprio definirla inusuale,atmosfera alla Branduardi! In bocca al lupo per il rinnovato impegno a tutte le donne dell’olio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *