Campania, penisola sorrentina, olio

Tra gli assaggi da me effettuati nelle ultime settimane, mi soffermo su un produttore che non soltanto dimostra di svolgere bene il proprio lavoro, ma dimostra anche di possedere una buona inventiva. Oltre alla Dop Penisola Sorrentina, con “L’Arcangelo”, ha messo infatti sul mercato altri due oli, insoliti perfino nei nomi: “Crescimi”, pensato per i bimbi, con una bella etichetta in cui campeggia un bel disegno,  ancor più attrattivo per i suoi tratti fanciulleschi; ed “Eccolo!”. L’azienda è quella di Costantino Russo. Si trova a Vico Equense, in provincia di Napoli.

Crescimi. L’olio per me”, ha una bella etichetta; è elegante nella veste anche l’olio a marchio Dop, ma a soprendermi di più, tra tutti e tre gli extra vergini, è in particolare l’olio “Eccolo!

Chiedo lumi al produttore Costantino Russo, e prontamente mi risponde, via facebook:

“Eccolo!” è ottenuto da solo sei alberi secolari di Itrana Gentile. Olive raccolte appena invaiate, quasi tutte verdi per scelta. Ho fatto dieci anni di prova, prima di spingermi a raccogliere cosi presto per ottenere colore, profumi, e sopratutto l’equilibrio gustativo, e da li il nome ECCOLO!, insomma: finalmente! E’ quello che volevo.

“L’arcangelo”, invece, è solo Minucciola in purezza, sempre in maturazione precoce.

Mentre l’etichetta di “Crescimi” e stata disegnata da Andrea, mio nipote, a soli cinque anni, e rappresenta il nonno Arcangelo nel momento sacro della raccolta.
Si tratta sempre di 100% Minucciola, ma questa volta da olive a completa maturazione.

 

SAGGIO ASSAGGIO

Vista > E’ verde dai riflessi dorati, limpido

Olfatto > Ha profumi freschi e puliti, dal fruttato di media intensità e dalle connotazioni erbacee

Gusto > Si apre morbido ed elegante, armonico, con una buona fluidità e sensazione al palato, ha gusto vegetale e richiami netti al carciofo, una ben dosata e gradevole percezione amara e piccante

Sensazione retrolfattiva > Una punta piccante in chiusura, unitamente a sentori di erbe di campo

 

L’ABBINAMENTO

Alcune ricette con cui immagino l’olio “Eccolo!”: salsa crudité, spiedini di verdure grigliate, pizza di zucchine e porri, frittelline di riso, pennette in salsa di broccoli verdi, cernia farcita al forno con verdure al cartoccio, filetti di triglia, cotolette di carne trita, tagliata di manzo con salsa di manzo e acciughe.

 

Ho esagerato con le ricette? Sono troppe?

Questa voce è stata pubblicata in Saggi Assaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *