Fritti di Puglia. Con cozze, fave e lampascioni

Come mai tutto questo mio interesse per la cucina pugliese? Molto semplice: mi trovo a Lecce da qualche giorno. E come si fa a rinunciare a una cucina che richiama ad ogni respiro le mie origini? Dopo aver messo in luce, ieri, le ottime pittule (o pettole, per il resto del mondo), oggi, invece, grande spazio alle fritture tipiche di una cucina regionale che ha sempre messo al centro l’impiego dell’olio ricavato dalle olive.

A proposito di frittura, di conseguenza, non posso tacere e non menzionare un libro che ho scritto insieme con il maestro di cuicna Giuseppe Capano, pubblicato da Tecniche Nuove con il titolo Friggere bene.

Il libro è stato peraltro rilanciato sabato scorso, nel corso della trasmissione radiofonica “Decanter”, su Radio Rai 2, attarverso le parole e la voce di Marina Cepeda Fuentes.

LE RICETTE DELLA TRADIZIONE PUGLIESE

Cozze fritte

Ingredienti

1 kg di cozze

100 g di farina 00

2 uova

olio extra vergine di oliva

sale q.b.

Preparazione

Si puliscono con la massima cura le cozze, lavandole.

Si ripongono le cozze in un tegame, cuocendole a fuoco lento fino a farle aprire.

Si puliscono le cozze eliminandone la valva.

Si infarinano le cozze, girandole successivamente nell’uovo sbattuto.

Si immergono nel liquido di frittura, in abbondante e bollente olio extra vergine di oliva.

Si mettono a scolare e sono pronte per essere servite calde.

Fave fritte

Ingredienti

500 g di fave secche

1 patata media

olio extra vergine di oliva

100 g di sale fino

Preparazione

Si lava e si sbuccia  la patata, facendola cuocere insieme con le fave secche e aperte in acqua salata per un tempo di circa 10 minuti.

Si lasciano scolare le fave e si infornano per circa 5 minuti.

Si friggono le fave  per circa 2, 3 minuti, in abbondante olio extra vergine di oliva.

Si adagiano le fave su fogli di carta assorbente e si provvede a salarle.

Si servono fredde.

Lampascioni fritti

Ingredienti

500 g di lampascioni

2 uova

farina

olio extra vergine di oliva

sale q. b.

Preparazione

Si puliscono i lampascioni e si lasciano a bagno per un giorno, cambiando spesso l’acqua.

Si sbollentano in abbondante acqua salata, evitando di cuocerli troppo.

Si infarinano e si passano nelle uova sbattute.

Si immergono in abbondante e bollente olio extra vergine di oliva.

Si lasciano scolare riponendoli su carta assorbente.

Si salano prima di essere serviti.

Questa voce è stata pubblicata in Fritto bene, fritto sano, L'olio entra in ricetta. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fritti di Puglia. Con cozze, fave e lampascioni

  1. Tata Pici scrive:

    Anche oggi pettole. Sono buonissime, eppure non è che siano molto conosciute.

  2. Iole scrive:

    vada pazza per i fritti, grazie per le ricette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *